Quotidiani locali

il caso

Il vicesindaco: «Hanno avvelenato i nuovi alberi di via Roma»

L’accusa di Pierucci: «Ora faremo analisi e scatteranno denunce contro ignoti»

CAMAIORE. Sono state numerose le segnalazioni che riportavano la sofferenza di quattro tigli nuovi che sono stati piantati da poco lungo via Roma. L’amministrazione ha deciso di andare a controllare e quello che è stato trovato ha a dir poco dell’incredibile: pare che qualcuno abbia gettato della benzina sui fusti piantumati da poco, uccidendo definitivamente gli alberi. Questo il primo rilievo, ma ci saranno indagini approfondite e, nel caso venga confermato il tutto, partiranno le denunce.

A fare questa ricostruzione il vicesindaco di Camaiore e assessore ai lavori pubblici Marcello Pierucci attraverso la propria pagina Facebook. In un post di ieri Pierucci scrive: «Quando questo paese da il peggio di sé - tuona - via Roma è stata appena riqualificata con un investimento importante da parte dell’amministrazione comunale. Stamattina (ieri per chi legge, ndr) è stato fatto un sopralluogo con un agronomo specializzato per verificare le ragioni del mancato attecchimento di quattro dei nuovi tigli reimpiantati. È apparso subito evidente dall’odore emanato e da una prima analisi delle piante che c’è stato un avvelenamento con idrocarburi. Procederemo con analisi approfondite e se dovesse essere confermata la tesi dell’avvelenamento si procederà d’ufficio con una denuncia contro ignoti per danno ambientale e danni contro il patrimonio pubblico».

L’intervento di sostituzione delle piante è costato all’amministrazione circa 100mila euro. Le piante erano malate. La questione

della salute delle piante era stata affrontata monitorando nel tempo la condizione degli alberi attraverso una classificazione che ne valutasse le possibilità di recupero. Il Comune aveva deciso quindi di toglierle e sostituirne con esemplari nuovi.

Cesare Bonifazi

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro