Quotidiani locali

Vai alla pagina su Carnevale Viareggio
L’estate della Cittadella comincia da Alcatraz

L’estate della Cittadella comincia da Alcatraz

Dal 3 al 27 agosto in scena lo spettacolo a metà strada fra circo e teatro E il 19 agosto saranno svelati i bozzetti di carri e mascherate del Carnevale 2019

VIAREGGIO. Un po’ circo, un po’ teatro. Con la colpa e il perdono come temi portanti, affrontati tuttavia con comicità e divertimento. Sarà “Alcatraz”, spettacolo allestito dalla compagnia Psychiatric Circus della storica famiglia Bellucci-Medini, l’evento di punta del cartellone estivo alla Cittadella del Carnevale: sarà presente dal 3 al 27 agosto e arriverà nel piazzale di Burlamacco forte delle oltre 200mila presenze complessive fatte registrare nella tournée di debutto.

Lo show, che dura due ore (più 40 minuti di prologo) ed è vietato ai minori di 14 anni per l’intenso coinvolgimento, si avvale di un cast di acrobati, fachiri, pagliacci e interpreti teatrali provenienti da tutto il mondo che interagiranno con gli spettatori e racconteranno l’inumana vita all’interno di un carcere di massima sicurezza – la celebre prigione di San Francisco, in questo caso - dove le persone diventano meri numeri e i loro corpi subiscono abusi e soprusi fino a trasformarsi in contenitori vuoti.

A recitare il ruolo del direttore del penitenziario in quattro serate – 6, 13, 20 e 27 agosto – sarà poi il celebre attore livornese Paolo Ruffini, mentre nelle restanti date dello spettacolo verrà interpretato da Davide Pedrini: «Sono molto felice di essere tornato a Viareggio – racconta – i fratelli Cinquini mi hanno insegnato che tra scherzo e arte non c’è troppa differenza: anche le sciocchezze devono essere prese sul serio, ci dicono qualcosa d’importante sulla nostra quotidianità. Non posso che ringraziare questa meravigliosa famiglia di circensi per l'occasione che mi hanno concesso».

Ma cosa vedremo esattamente ad agosto nel piazzale della Cittadella? «Alcatraz vi stupirà, non riesco a trovare qualcosa che gli assomigli – prosegue – si parla d'inclusione e di tolleranza, di colpa e di perdono, in un momento molto ‘social’ ma poco sociale, per me è uno spettacolo urgente».

Anzi, «usciamo dall’idea del ‘vado a vedere uno spettacolo’: questa è prima di tutto un’esperienza che vuol sconvolgere e far riflettere ma anche divertire».

Parole che la Fondazione Carnevale dovrebbe far proprie, visto che quel mese di festeggiamenti è soprattutto un’esperienza che si può capire e apprezzare solo vivendola. E visto che oggigiorno si fa un gran parlare di turismo esperenziale…

Ma non ci sarà solo “Alcatraz” ad occupare il cartellone estivo della Cittadella, in verità concentrato quasi esclusivamente nel mese di agosto. Si parte sabato 9 giugno con “Color party”, la grande festa di fine anno scolastico giunta oramai alla terza edizione, per poi passare a domenica 12 agosto a “Semplice Lucio”: il maestro Giandomenico Anellino e un’orchestra dal vivo renderanno omaggio a Lucio Battisti con le sue più belle canzoni.

Dopo “Alcatraz” l’evento più atteso è certamente quello in calendario la domenica seguente – 19 agosto – quando sul palco centrale verranno svelati i bozzetti dei carri e delle mascherate che prenderanno parte al prossimo Carnevale. E, seguendo una prassi ormai consolidata da qualche anno, saranno proprio i carristi stessi a illustrarli al pubblico avvalendosi di balli, siparietti e proiezione di fotografie e video.

Con l'occasione saranno anche resi

noti i vincitori dei premi speciali intitolati a Egisto Malfatti, Enrico Casani ed altri personaggio della Viareggio che fu che nel corso dell’ultima edizione (non senza polemiche) non furono assegnati: a sceglierli saranno carristi e mascheratisti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro