Quotidiani locali

stazzema

Renzi e i ministri Pd giovedì saliranno a Sant'Anna per iscriversi alla città antifascista

Verranno a firmare l’adesione all’anagrafe. Il sindaco Verona: hanno colto il senso della mia iniziativa 

STAZZEMA. L’ex presidente del Consiglio e segretario Pd Matteo Renzi e tutti i ministri del governo Gentiloni in quota Partito democratico saliranno giovedì (15 febbraio) a Sant’Anna di Stazzema per aderire all’ anagrafe antifascista. Il registro, istituito dal Comune di Stazzema poco più di un mese fa, sta raggiungendo quota trentamila adesioni. La notizia è arrivata ieri mattina con una dichiarazione del ministro Maurizio Martina, numero due del Partito democratico e ministro in carica per le politiche agricole.

«In queste ore – ha detto Martina, confermando l’impegno del suo partito contro ogni atto di xenofobia e la vicinanza alla città di Macerata, teatro della sparatoria dell’aggressore neofascista che ha tentato di uccidere sei richiedenti asilo – siamo in tante piazze del paese con il tricolore, dopo lo scempio della bandiera al collo di quel neofascista. E nella mattina di giovedì con il segretario Matteo Renzi, i nostri ministri e tutta la squadra Pd saremo a Sant’Anna di Stazzema insieme a tanti ragazzi. Firmeremo l’anagrafe antifascista derisa in queste ore dal Matteo Salvini e ci prenderemo ancora l’impegno solenne di combattere ogni giorno contro neofascismo, xenofobia e violenza».

leggi anche:

«Apprezzo moltissimo questa iniziativa – ha commentto il sindaco di Stazzema Maurizio Verona – perché i ministri del Pd ed il segretario Matteo Renzi hanno colto il vero senso dell’iniziativa che ho lanciato alla fine dell’anno scorso, che è quello di impegnarsi per rafforzare i valori di libertà e democrazia della nostra Costituzione. Mi piace che assieme ai ministri arrivino tanti giovani che potranno conoscere questo che è un luogo aperto a tutti, un luogo del dialogo e della pace».

«Abbiamo istituito questa anagrafe – ribadisce Verona, che dopo le parole offensive di Salvini aveva invitato anche il leader della Lega Nord a venire a conoscere la realtà del Parco nazionale della Pace – perché abbiamo colto i segni di una situazione molto preoccupante, che si è palesata anche nei recenti avvenimenti di cronaca. Certi fatti gravissimi come quelli accaduti a Macerata sono un segno di disgregazione di alcuni capisaldi della nostra Costituzione. Di fronte a quello che sta accadendo, noi lanciamo a tutti un appello per impegnarsi a riportare al centro del dibattito i valori costituzionali di solidarietà e libertà di pensiero. I richiami al fascismo, ad una presunta razza bianca, ci riportano indietro di molti anni. Chiunque sia disposto ad impegnarsi per difendere i valori della democrazia e della pace, della libertà di opinione e della libertà dal bisogno, è sempre benvenuto a Sant’Anna di Stazzema».

«È giusto – ha detto il ministro della giustizia Andrea Orlando commentando l’iniziativa di giovedì – che il Pd dia un segnale chiaro e forte confermandosi come la forza che con più determinazione si pone di fronte a questa marea nera montante e reagisce. Credo – ha concluso il ministro Orlando – che non a caso il Pd sia la forza che più frequentemente è bersaglio di questo riemergente fascismo».
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori