Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Passerelle telescopiche e super scale: la moda di Eco.Sil

VIAREGGIO. “Regina d’Italia” di Dolce&Gabbana e “Main” di Giorgio Armani. Superyacht di lusso costruiti a Viareggio dei big della moda italiana a bordo dei quali sono installate passerelle telescopiche e scale reali ideate e realizzate da Giordano Bertoni della ECO.SIL Enginering, società con sede a Pietrasanta, che opera in vari settori della progettazione tra cui quella navale, in collaborazione con l’architetto Alessandro Debenedetti della D.F. Designers per quanto attiene alla modellazio ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIAREGGIO. “Regina d’Italia” di Dolce&Gabbana e “Main” di Giorgio Armani. Superyacht di lusso costruiti a Viareggio dei big della moda italiana a bordo dei quali sono installate passerelle telescopiche e scale reali ideate e realizzate da Giordano Bertoni della ECO.SIL Enginering, società con sede a Pietrasanta, che opera in vari settori della progettazione tra cui quella navale, in collaborazione con l’architetto Alessandro Debenedetti della D.F. Designers per quanto attiene alla modellazione, rendering e studio delle forme.

La ECO.SIL si occupa di creare specifiche attrezzature per grandi motoryacht secondo le richieste del cantiere navale che, spiega il direttore tecnico Bertoni, «ci fornisce i disegni dello scafo dove debbono essere installate le attrezzature e noi non solo le studiamo e progettiamo ma definiamo in ogni dettaglio anche l’interfaccia per l’installazione a bordo, il posizionamento delle centraline idrauliche, la logica di funzionamento, gli impianti elettrici ed idraulici a corredo». La ECO.SIL (costituita nel 1999 ma trasformata in società di ingegneria nel 2004) effettua attività di controllo, assistenza e coordinamento sia nella fase di costruzione sia in quella di installazione e collaudo delle attrezzature avvalendosi di personale specializzato, e lavora in stretta collaborazione con il cantiere sin da quando viene progettata l’impostazione della struttura della imbarcazione, studiando e disegnando le attrezzature per lo specifico impiego ed esigenze dell’armatore avvalendosi di moderni software (che consentono, ad esempio, di modellare in tridimensionale gli oggetti).

«In fase progettuale – sottolinea Bertoni - siamo dunque in grado di proporre al committente un’anteprima di come sarà nella realtà il prodotto richiesto e allo stesso tempo di mostrare un filmato che ne simula i movimenti: ad esempio una passerella che esce fuori dalla scassa e si dispone in posizione di esercizio. Si tratta di immagini elaborate dal computer che però si avvicinano molto alla realtà e all’aspetto che avrà il prodotto finito».