Quotidiani locali

le periferie

Spaccio e degrado: Torre del Lago non ce la fa più - Video

Cittadini esasperati hanno raccolto le firme perché tornino in funzione le telecamere

Torre del lago, lo spaccio sui binari Ecco le immagini che testimoniano lo spaccio lungo la ferrovia a Torre del Lago - L'ARTICOLO

TORRE DEL LAGO. C’è il muro, ci sono anche le transenne tra i binari, bianche a rosse, a segnalare il divieto di attraversamento, ma il viavai sui binari di Torre del Lago non accenna a diminuire. Come denunciano i residenti intorno alla stazione, come raccontano gli studenti ed i pendolari che utilizzano la fermata ormai del tutto in mano a chi spaccia, si prostituisce, o consuma gli stupefacenti direttamente sulle panchine della stazione. Il tappeto di siringhe in ogni angolo e tra i cespugli è la fotografia di quali traffici si consumino tra la stazione ed il ponte della Bufalina, sorta di enclave, appartenente per vicinanza ed affinità a Torre del Lago, ma di fatto governata da Pisa, perché alla Bufalina è già comune di Vecchiano e, dunque, provincia della Torre pendente.

«Qualche giorno fa- raccontano i residenti nella zona - abbiamo fotografato e filmato dei transessuali che espletavano i propri bisogni corporali accucciati tra i cespugli lungo i binari. Di giorno come di notte è tutto un camminare, a volte rincorrendosi, incontrandosi a gruppi. Dalla stazione raggiungono la Bufalina e poi tornano indietro e via di nuovo che arriva gente».

Al ponte in pineta si racconta via sia un tavolinetto con la fila per acquistare gli stupefacenti. E che, quando c’è fila, ci scappi anche un caffè. Servizio completo. Tanto, nel rimpallo di competenze tra Prefettura di Lucca e quella di Pisa, con le forze di polizia di Viareggio e Torre del Lago che dirottano su Vecchiano, prima che il traffico sia debellato di tempo ne passerà ancora. Eppure, un paio d’anni fa, era intervenuto anche il ministero dei trasporti. La cui Direzione generale per le investigazioni ferroviarie e marittime aveva elaborato una relazione di indagine nella quale si legge che «gran parte dei numerosi episodi di attraversamento della sede ferroviaria sono avvenuti per accedere alla pineta direttamente dalla via Aurelia». Nel documento a firma degli ingegneri Roberto Lucani e Marco Benedetti, componenti della apposita Commissione di indagine e datata maggio 2016, viene segnalato come «alcune delle zone attraversate dalla ferrovia nel tratto Pisa-Torre del Lago (in particolare quelle interne alla pineta) da anni siano diventate luoghi di spaccio di stupefacenti e di prostituzione, per cui numerose persone non autorizzate accedono e attraversano - sia di giorno che di notte - la sede ferroviaria». A distanza di un anno e mezzo è tutto uguale.

leggi anche:



Ma il problema non è solo la stazione. I torrelaghesi esasperati da mesi chiedono, anche con una raccolta di firme, il ripristino del funzionamento delle telecamere. Viale Marconi, zona commerciale dove in questi giorni sono state danneggiate numerose auto ed è stato appiccato il fuoco ad uno scooter, è soggetta a furti, presenza di tossicodipendenti, molestie quotidiane. Mentre tra viale Kennedy e viale dei Tigli imperversa la prostituzione di ogni tipo. «Siamo a conoscenza dell’intenzione dell’assessore Manzo di riattivare le telecamere presenti nella frazione», scrivono in una nota congiunta Forza Italia e Fratelli d’Italia: «Ma è necessario che le tempistiche vengano ulteriormente accelerate e che si valutino ulteriori iniziative mirate a riportare un minimo di serenità ad una comunità al limite dell’esasperazione».

Sulla stessa linea il Pd torrelaghese con il segretario Marino Bertolucci. Che scrive: «Torre del Lago ha sofferto, anche nell’ultima stagione, di grande incuria: rifiuti abbandonati, inefficienza nella raccolta differenziata, sporcizia diffusa in molti luoghi pubblici. Il centro civico di viale Marconi che dovrebbe garantire tutta una serie di servizi e avere personale proporzionale al numero degli abitanti, versa oggi in condizioni pietose: erbacce e piante pericolose e infestanti la fanno da padrone. Pochissimi dipendenti comunali, e qualche vigile, fanno miracoli per aiutare i cittadini».
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista