Quotidiani locali

Mallegni si dimette da sindaco di Pietrasanta

L'annuncio di fronte ai dipendenti comunali riuniti per il resoconto di metà mandato: "Berlusconi mi ha chiesto di candidarmi al parlamento"

PIETRASANTA. Massimo Mallegni si dimette da sindaco di Pietrasanta. Il motivo lo ha spiegato lui stesso annunciando la clamorosa decisione di fronte ai dipendenti comunali riuniti nel teatro cittadino per ascoltare il resoconto di metà mandato: Silvio Berlusconi lo vuole in parlamento.

leggi anche:

"Me lo ha chiesto Berlusconi" ha detto Mallegni ricordando che il sindaco di una città con più di ventimila abitanti deve lasciare la carica sei mesi prima delle elezioni politiche a cui vuole partecipare da candidato.

Le dimissioni verranno formalizzate entro la mattina di giovedì 14 settembre con la consegna dell'atto al presidente del consiglio comunale. Da quel momento Mallegni avrà venti giorni di tempo a disposizione per tornare sui suoi passi. "Ma non ci saranno  ripensamenti" ha detto senza riuscire a nascondere la commozione.

Massimo Mallegni era stato rieletto sindaco nel giugno di due anni fa - dopo due mandati consecutivi dal 2000 al 2010 -  superando al secondo turno il candidato del Pd Rossano Forassiepi. Aveva più volte detto che non avrebbe lasciato la carica di sindaco per il parlamento. Ma a Berlusconi, che su di lui ha più volte dimostrato di voler puntare anche in chiave nazionale, non ha potuto dire di no.

IL VIDEO: QUANDO BERLUSCONI ARRIVO' A PIETRASANTA PER SOSTENERE MALLEGNI

Berlusconi a Pietrasanta per Mallegni: "Elettori vi do una missione" Il Cavaliere è sceso in soccorso del proprio candidato al ballottaggio delle comunali di Pietrasanta e ha parlato dal gazebo del pontile di Tonfano. "L'imperativo categorico - ha detto - è di portare amici e parenti a votare per vincere la sinistra" (Video di Cesare Bonifazi Martinozzi)

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista