Quotidiani locali

L’Asl scrive a 913 bimbi per fare le vaccinazioni

Hanno tra 0 e 6 anni e non hanno fatto l’intero piano di prevenzione La stessa azienda sanitaria fisserà l’appuntamento dal pediatra

VIAREGGIO. L’Asl scrive a 913 bimbi versiliesi tra 0 e 6 anni che non hanno fatto tutte le vaccinazioni previste dal calendario. Vaccinazioni divenute obbligatorie per l’iscrizione a scuola, in questo caso asili nido e scuole materne. L’obiettivo dell’azienda sanitaria è programmare gli appuntamenti per mettere in regola i bambini. E consentire così a loro di potersi iscrivere agli istituti. In caso contrario si rischia la mancata iscrizione o l’espulsione: nidi e materne non rientrano nella scuola dell’obbligo.

«Con l’inizio dell’anno scolastico – si legge in una nota dell’Asl – scatta l’obbligo vaccinale come previsto dalla normativa (il decreto Lorenzin, ndr). Per la fascia di età 7 – 16 anni la scadenza per mettersi in regola è il 31 ottobre; quindi c’è ancora tempo». Per ulteriori indicazioni su bambini e ragazzi più grandi vedi box.

Questa invece la situazione per gli asili nido e le scuole materne (età 0-6 anni). «Se i bambini sono già vaccinati, le famiglie non devono assolvere alcun obbligo: l’Asl controlla gli elenchi ricevuti dalle scuole e certifica la posizione dei bambini. Per i bambini non vaccinati – continua la nota – l’Asl Toscana nord ovest contatterà direttamente le famiglie che da un primo controllo non risultano aver fatto tutti i vaccini: in una prima lettera (entro l’11 settembre) farà presente questa presunta posizione irregolare, mentre in una nota successiva fornirà un appuntamento per effettuare il vaccino in un centro vaccinale Asl. Inoltre, nei giorni scorsi è stato siglato un accordo con i pediatri di famiglia che si sono resi disponibili a vaccinare ed a certificare la regolarità dei singoli casi».

Da evidenziare, inoltre, che un bambino può essere esonerato dall’obbligo di vaccinazione in caso di immunizzazione a seguito di malattia naturale. «In questo caso – si spiega – serve una copia della notifica della malattia infettiva alla Asl, oppure il certificato del medico di famiglia o del pediatra di libera scelta. Anche l’omissione o il differimento devono essere attestati con certificato del medico».

A scanso di equivoci alcune scuole hanno richiesto un’autocertificazione ai genitori dei bambini, dove in pratica si dice
che è tutto a posto o che lo sarà comunque entro il 10 marzo 2018 (termine ultimo). È possibili scaricare il modulo dal sito della Asl (www.uslnordovest.toscana.it) dove si possono trovare tutte le indicazioni, comprese quelle su sedi vaccinali e orari.

Matteo Tuccini

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie