Quotidiani locali

Telecamere fisse per scoprire i furbetti dell’assicurazione

Saranno installate in cinque punti del territorio comunale: così aumenteranno gli introiti del bilancio

MASSAROSA. Che la situazione sia difficile per le tasche del Comune di Massarosa non è un mistero e, secondo l’amministrazione, la strada per migliorarla passa dai provvedimenti presi nello schema di bilancio approvato dalla giunta e che a fine mese sarà portato all’attenzione del consiglio comunale.

leggi anche:

In questo progetto è stato previsto oltre all’adeguamento delle tariffe cimiteriali e ai diritti urbanistici, anche le sanzioni al codice della strada. Sanzioni che deriveranno tramite il nuovo sistema di “videosorveglianza dinamica”: in cinque punti del Comune verranno installati i dispositivi Targa System, i dispositivi simili agli autovelox che rilevano le infrazioni amministrative: la mancanza di assicurazione, i fermi amministrativi e le revisioni. Le telecamere saranno pronte entro giugno e verranno piazzate all’uscita dell’autostrada, una a Piano di Mommio, una a Quiesa e poi sul Monte Pitoro e a Montramito. Le telecamere saranno a costo zero per la comunità perché saranno finanziate dalla Fondazione della banca di Credito Cooperativo. Ma il progetto dell’amministrazione non è solo questo: tenute fisse Imu, Tasi, Irpef e le tariffe per i servizi a domanda individuale, verrà diminuita la Tari e verranno venduti immobili di proprietà comunale.

«Inoltre, arriveremo a una razionalizzazione della spesa - spiega l’assessore al bilancio Stefano Natali - attraverso la revisione di alcuni contratti sui servizi come per le mense, i trasporti e le assicurazioni, ridurremo anche la spesa per il personale. È anche prevista, come detto, l’alienazione di alcuni immobili che vengono ritenuti “non più strategici” nella speranza di ridurre l’indebitamento e di liberare alcune risorse che potrebbero essere utilizzate per completare il polo scolastico del Capoluogo con la costruzione di un immobile destinato ad ospitare tre sezioni della scuola primaria.

«Verrà utilizzato uno strumento finanziario coordinato dalla provincia di Lucca, che sta raccogliendo le adesioni dei Comuni per la costituzione di un Fondo Territoriale da candidare alla Piattaforma Invimit - ha detto il sindaco Franco Mungai - Abbiamo inoltre previsto di riportare all’interno del Comune alcuni servizi, attualmente gestiti da terzi, come il servizio Urp e la chiusura, entro il 30 giugno dell’azienda partecipata Sermas che porterà a un risparmio a regime di circa 300mila euro all’anno. I tre posti di lavoro verranno assorbiti all’interno della macchina comunale. Lo schema di bilancio - continua - ha avuto il parere favorevole dei sindaci revisori che hanno però rilevato la necessità, in sede di approvazione del rendiconto 2016, di rivedere la quota prevista per le tombe perpetue (su cui l’amministrazione è stata costretta a tornare indietro a causa della sentenza negativa del Tar sulla revisione dei canoni, ndr). Credo che essere riusciti a mantenere intatto il livello dei servizi, nonostante il taglio delle entrate subito negli ultimi anni e la difficoltà nell’incassare i tributi comunali, rappresenti un vero e proprio miracolo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare