Menu

Una mostra in ricordo del poeta Alfeo Bertin

 VIAREGGIO. Una data non casuale quella del 12 giugno: trentotto anni fa infatti sulla spiaggia di Viareggio fu ritrovato - straccato dal mare, come già era accaduto a Percy Bysshe Shelley - il corpo di Alfeo Bertin, pittore e poeta viareggino, ma anche traduttore dal russo per Garzanti e Feltrinelli, uno degli ultimi artisti bohémien della nostra città, protagonista di una vita difficile che negli ultimi anni lo aveva portato anche a frequentare il manicomio di Maggiano.  Quando, quel 12 giugno 1972, il mare restituì il suo corpo Bertin aveva 42 anni, oggi avrebbe spento ottanta candeline. Per celebrare questo doppio anniversario e ricordare una figura complessa e particolare di artista che sembra uscito dalla collezione dei vàgeri viareggini, l'associazione culturale il Mac (Maffei Arte Contemporanea) ha organizzato una mostra che sarà inaugurata nella sede di via del Signore 3, oggi alle 18.  In quella occasione sarà presentato anche il piccolo libretto dal titolo "Il devastato zero" (riproponendo un verso dello stesso Bertin), che raccoglie poesie
e dipinti inediti e che va ad arricchire la serie dei Quaderni della Torre del catalogo Pezzini Editore, curati da Fabio Flego.  Il libro (costo 5 euro) si può acquistare in mostra (l'esposizione rimarrà aperta tutti i giorni fino al 27 giugno 2010 dalle 18 alle 20) oppure nelle librerie cittadine.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare