Quotidiani locali

Vaccini: Toscana vara obbligo per iscrizione materne e nidi

Via libera alla legge dal Consiglio regionale: confermato l’obbligo vaccinale per l’accesso alle scuole materne

FIRENZE. La Toscana conferma l'obbligo vaccinale: per l'iscrizione a nidi e a scuole materne in Toscana bisognerà essere in regola con dieci vaccinazioni, già da questo anno scolastico che sta per iniziare. Lo prevede la legge sull'obbligo vaccinale approvata stasera dal Consiglio regionale con i voti favorevoli di Pd, Mdp, Fdi e Fi, e quelli contrari di Lega Nord, M5s e S Toscana a sinistra.

Come ha spiegato il presidente della commissione sanità del Consiglio toscano Stefano Scaramelli (Pd), illustrando la proposta, il testo «sta diventando punto di riferimento a livello nazionale. Almeno due Regioni hanno già fatto proprio il nostro testo». La legge prevede che «ai fini dell'iscrizione, ammissione e permanenza ai nidi d'infanzia, ai servizi integrativi per la prima infanzia, alle scuole dell'infanzia e alle strutture per minori, la vaccinazione omessa o differita in caso di accertati pericoli concreti per la salute del minore, in relazione a specifiche condizioni cliniche».

La legge, ha aggiunto Scaramelli, «semplifica anche le norme nazionali» per la certificazione grazie a «una piattaforma web con nessun onere per famiglie e accessibile dai dirigenti scolastici». «La Toscana - ha spiegato - è già pronta, ha una propria procedura già istituzionalizzata. I genitori dovranno soltanto vaccinare i figli».

Altri due articoli infine riguardano la vaccino-vigilanza, per la segnalazione

di eventuali eventi avversi in caso di vaccinazione, un sistema, ha aggiunto il presidente della commissione sanità, utile «anche per sedare qualsiasi forma di dubbio», oltre a un'azione di sensibilizzazione e ascolto dei genitori che dovranno essere realizzate dalle aziende sanitarie.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro