Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il Tigro di Jennifer dimenticato sul treno a Pisa, l'appello della mamma: "Aiutatemi a trovarlo" - Video

Jennifer ha perso il suo Tigro su un treno regionale Firenze-Pisa (foto autorizzata dai genitori della bambina)

Una bimba di 7 anni cresciuta insieme al suo pupazzo preferito perso su un vagone nel viaggio tra Firenze e Pisa

PISA. Tigro è qualcosa più di un pupazzo. È l’amico che per Jennifer, 7 anni, c’è sempre stato. L’ha consolata nei momenti difficili, in silenzio, ma sempre presente. Ha vegliato su di lei quando, a quattro mesi, le è stato regalato. Amore a prima vista, e non poteva essere altrimenti con quel manto arancione intenso, le bellissime strisce nere e la coda lunga lunga. Jennifer, davanti agli occhi di Tigro, è cresciuta. Lui, salvo per il manto un po’ scolorito e la coda consumata, è rimasto sempre lo stesso. Fedele amico di ogni momento di vita della sua giovane compagna. Tigro ha preso perfino l’odore di Jennifer, che ha visto crescere tra la Toscana e il Merseyside, Italia e Inghilterra. Una storia di condivisione che sembra una favola, interrotta il 27 agosto scorso su un treno regionale Firenze-Pisa.

Jennifer ha perso il suo Tigro, 7 anni di un'amicizia speciale

Tigro, mentre Jennifer sta per scendere dal treno, viene dimenticato su un vagone. La disperazione e il senso di vuoto della piccola spingono mamma Beatrice, una volta tornata in Inghilterra, a scrivere un post – appello per ritrovarlo. In pochi giorni sono diecimila condivisioni. Un’infinità di commenti al post con consigli più o meno utili. Compreso chi propone di comprarne uno nuovo su internet. No, non funziona così.

«A costo di sembrare ridicola, chiedo il vostro aiuto, soprattutto agli amici toscani – scrive Beatrice Cavallucci, italiana che vive con la figlia Jennifer di 7 anni a Wallasey, non lontano da Liverpool in Inghilterra -. Mia figlia ha perso il suo amico del cuore e da allora è devastata. Tigro le è stato regalato quando aveva 4 mesi e da allora lei lo ha stretto a sé in ogni giornata e in ogni notte della sua vita, come fosse un prolungamento del suo corpo e della sua personalità».

Beatrice e Jennifer sono in Italia e da Firenze si stanno spostando verso Pisa per prendere il volo che le riporterà in Inghilterra. Nel viaggio, tra una valigia e un vagone, Tigro viene perso. «La mattina del 27 agosto nel treno regionale 6807 che partiva da Firenze Santa Maria Novella alle 7.33 per arrivare a Pisa centrale alle 8.52 Tigro si è perso – spiega Beatrice -. Quando mia figlia se n’è accorta, poco prima di prendere l’aereo, ho visto nel suo visto un’espressione di panico e dolore, quello della perdita, che non dimenticherò mai e che mi ha trapassato da parte a parte. Lo so che esistono circostanze ben più gravi, ma Tigro l’ha accompagnata dappertutto e, soprattutto, l’ha consolata a ogni pianto della sua vita. Tranne quello che si sta consumando in sua assenza. Tigro è stato con lei per 7 anni, ed è stato anche con noi e per noi è un pezzo di Jennifer: lo abbraccia talmente spesso che è tutto consumato e scolorito e porta perfino il suo odore».

L’appello si conclude con la richiesta di far circolare il messaggio il più possibile, meglio se in Toscana. Appello raccolto per oltre 10mila volte, anche per le foto strappacuore che Beatrice posta di Jennifer insieme al suo Tigro. «Ritrovarlo farebbe la felicità di una bimba di 7 anni, che vivrebbe qualcosa di magico».

A distanza di giorni Tigro, però, non è ancora stato trovato. «Siamo stati sommersi di messaggi, con persone che sono andate fisicamente alla stazione di Pisa per darci una mano – ci racconta Beatrice dall’Inghilterra -. Jennifer è stata molto matura e non ha fatto capricci. So che il distacco fa parte di un percorso di crescita. La speranza di ritrovare il suo pupazzo è sempre più flebile, ma comunque vada siamo state travolte da un enorme affetto in seguito al posto che non dimenticheremo mai».