Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoratori sfruttati
Assunta con contratto a chiamata, cameriera a 3 euro l’ora: è il lavoro “grigio”

Assunta con contratto a chiamata, cameriera a 3 euro l’ora: è il lavoro “grigio”

Il ristorante di Lucca la pagava per gli extra nel fine settimana e la sfruttava tutto il giorno. Migliaia di vertenze in corso

LUCCA. Quella ragazza, al suo primo impiego stagionale, ha lavorato oltre 220 ore in un mese. Otto ore al giorno, fine settimana inclusi, a prendere ordini, sparecchiare e fare caffè. Il suo datore di lavoro, un imprenditore titolare di un ristorante ben recensito nel cuore di Lucca, ha pensato bene di pagarla poco più di 3 euro l’ora.

Contratto a chiamata. Uno degli oltre 800 praticati a livello nazionale. Ufficialmente qualche ora da svolgere nei fine settimana, quando la stagione estiva inizia a farsi intensa. In realtà lo sfruttamento della giovane prevedeva un lavoro quotidiano a tempo pieno. Uno dei migliaia di casi di “lavoro grigio” (non in nero e non completamente regolare) in Toscana di lavoro sfruttato. Un fenomeno sempre più diffuso e che, con la reintroduzione dei voucher, rischia di vedere aumentare ancora di più i numeri già altissimi.

Solo la provincia di Grosseto, dal 1 gennaio al 31 luglio di quest’anno, ha registrato al locale sportello Filcams Cgil quasi 1000 vertenze per lavoratori stagionali. La provincia turistica più grande e che ha il numero maggiore di piccole attività sotto gli otto dipendenti. A Firenze le posizioni aperte sono 250, mentre tra Lucca, con il picco in Versilia, Pisa e Livorno (con l’Elba a dominare i casi) si superano in totale altri 600 casi.

leggi anche:



Il fenomeno è per tutta la Toscana quello del “lavoro grigio”. Quasi la metà di tutte le vertenze nei territori presi in analisi riguardano, infatti, il settore turistico e quello del commercio. Resistono ancora casi di sfruttamento al nero di lavoratori. Ultimo una pizzeria a Pisa, di recente apertura, dove i 6 dipendenti erano tutti completamente irregolari. Un caso, però, piuttosto isolato. Quello della cameriera pagata poco più di 3 euro l’ora di Lucca, infatti, è il caso più diffuso. «Con il lavoro grigio si intende la regolarizzazione dei dipendenti stagionali con contratti pienamente legali ma la cui applicazione si prefigura come un vero e proprio sfruttamento del lavoro - spiegano dalla Cgil Toscana -. In molti casi con contratti a chiamata, a cottimo o contratti pirata che non prevedono, al loro termine, liquidazione, tredicesime maturate, ferie non godute e tutte le altre garanzie degli altri contratti a tempo determinato».

In bar e ristoranti i profili di vertenza più comuni, soprattutto nei rapporti stagionali, riguardano accordi sulla paga netta e non sul lordo. Questo provoca l’inserimento nello stipendio delle detrazioni e delle mensilità indirette e differite (come tredicesima e Tfr).

A conti fatti, per i camerieri e i baristi, è frequente vedere paghe orarie nette di fatto ben inferiori ai 5 euro. A volte anche sotto i 3 euro. Sempre nel settore turistico, poi, si segnalano vertenze aperte con la piaga del lavoro nero e le microviolazioni contrattuali (come il mancato pagamento degli straordinari). Piccole mancanze, vero, ma che insieme permettono lauti risparmi e la certezza dell’impunità. Tutto a danno dei lavoratori.

Quasi l’80% delle vertenze inoltrate da Filcams Cgil sugli stagionali vanno a buon fine. «Questo significa che il datore di lavoro, prima di andare davanti al giudice del lavoro, accetta, con il suo dipendente o ex dipendente, di trattare il pagamento delle spettanze dovute - spiegano dal sindacato -. Il problema è che di tutte le vertenze pochissime arrivano fino all’ispettorato del lavoro».

Tradotto: quando un lavoratore ottiene quanto dovuto non prosegue oltre. Questo non innesca, dunque, un meccanismo virtuoso di controllo contro questo vero e proprio sfruttamento del lavoro che in Toscana sta dilagando. 
 

***

Il Tirreno raccoglie le storie del lavoro sfruttato in Toscana. Abbiamo deciso, infatti, di iniziare un'inchiesta su chi viene pagato assai meno di quello che prevede il contratto, su chi viene assicurato per la metà del tempo che lavora. O su chi viene inquadrato per una mansione e ne svolge un’altra o altre tre o quattro insieme. Addirittura ci sono casi di persone che continuano a lavorare mesi nella speranza di riscuotere mensilità arretrate perché non hanno visto un soldo da quando hanno varcato la soglia del posto di lavoro. E c’è pure chi si è ritrovato licenziato perché si è fatto male lavorando. Se avete casi da segnalarci scriveteci a inchiestadeilettori@iltirreno.it Si può chiedere di raccontare la propria storia anche in forma anonima, soprattutto se il lavoro è ancora in corso. Tuttavia è necessario inviare un numero di telefono al quale essere ricontattati per verificare le vicende che ci raccontate.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro