Quotidiani locali

L’impresa dal campione paralimpico: «Io più forte della meningite scalerò la vetta dell’Everest»

Il lucchese Andrea Lanfri dal 2015 ha una doppia amputazione alle gambe. Pochi giorni fa ha conquistato la vetta del Monte Rosa: «Ora il tetto del mondo»

L'impresa di Andrea: scalare l'Everest senza gambe Il 34enne lucchese Andrea Lanfri ha avuto una meningite che gli ha portato via le gambe e sette dita delle mani. Adesso è campione paralimpico ed è diventato uno scalatore. Da poco è arrivato in cima al MOnte ROsa. Il prossimo obiettivo? L'everest (foto di Andrea Puviani) - L'articolo

LUCCA. «Quando mi sono risvegliato in terapia intensiva non ero preoccupato dei danni che la meningite aveva fatto al mio corpo. Ero felice di non essere morto. E volevo riprendermi la mia nuova vita usando ciò che mi era rimasto: due pollici e protesi speciali».

In tre anni Andrea Lanfri, lucchese classe 1986, con le sue lamine da corsa ha battuto tutti i record italiani sui 100, 200 e 400 metri. E ha conquistato un bronzo europeo a Grosseto e un argento mondiale a Londra. E ha alzato la testa al cielo, sognando l’impossibile: scalare l’Everest. A distanza di tre anni e mezzo da quel 21 gennaio che gli ha cambiato la vita Andrea si sta avvicinando sempre di più a quel sogno che sembrava impossibile. Pochi giorni fa ha toccato il cielo a 4556 metri. Vetta del Monte Rosa. Aggiungendo alla corsa e alla scalata anche l’alpinismo alla sua infinita voglia di vivere e stupire.

«Un amico, Moreno Pesce, mi ha chiesto se volessi partecipare come volontario e testimonial a un progetto di ricerca unico al mondo - racconta Lanfri -. Si tratta del “One Project Research”, sigla che sta per oxygenated natural emotion project».

Dietro la sigla c’è il primo studio di ricerca sperimentale, ideato da Albero Oro, sulla possibilità di contrastare i malesseri collegati alle attività in montagna con tecniche respiratorie specifiche. «Questo permette di accelerare i tempi di acclimatazione e contrastare il mal di montagna - racconta il campione lucchese -. Sono stato, insieme a tutta la spedizione composta, compresi i medici, da 25 persone, nella scalata al Monte Rosa. Siamo partiti da Staffal a 1800 metri e in quattro giorni abbiamo raggiunto la vetta. Il primo dislivello al rifugio Mantova a 3500 metri. Uno dei passaggi più difficili il passaggio sul ghiacciaio del Lys oltre i 4000 metri».

L'arrampicata di Lanfri, lo scalatore disabile a causa della meningite Il lucchese Andrea Lanfri non si lascia fermare da nulla, neanche dalla meningite. E scala il Monte Rosa. La malattia nel 2015 ha causato l'amputazione di entrambe le gambe e di sette dita delle mani. Dopo tre anni dall'operazione, in questi giorni ha raggiunto la vetta del Monte Rosa con le sue lamine da corsa. La prima tappa di un percorso di sfide - L'articolo

Un percorso non semplice, tanto che al bivacco dopo il passaggio sul ghiacciaio molte persone hanno deciso di fermarsi per i malesseri dovuto alla quota e alla stanchezza. Non Andrea Lanfri, che ha proseguito senza rallentamenti seguendo la tabella di marcia fatta di 200 metri all’ora di dislivello con una sosta di un’ora ogni tre ore di salita per far abituare il corpo all’altitudine. Una vera impresa per lui che, pur amando l’arrampicata e la montagna, mai si era cimentato con l’alpinismo. «Questa, però, è stata solo una sorta di prova generale - confessa Lanfri che guarda sempre più in alto -. Nel 2019, infatti, l’obiettivo è di scalare la leggendaria vetta dell’Everest.

«Quella del Monte Rosa era soltanto la prima tappa del progetto One - conferma l’atleta paralimpico toscano -. Mi sto già preparando per la scalata alla vetta dell’Aconcagua, in Argentina. Saranno 6292 metri sul livello del mare. Una bella sfida già fissata per il gennaio 2019». Saranno quattro anni esatti da quando la meningite ha “divorato” parte del suo corpo. Ma non la sua anima.

Quell’anima viva e indomita che Andrea proverà a portare verso il sogno più grande. Il balzo dal letto di ospedale agli 8848 metri della vetta dell’Everest. Fino a ora ci è riuscita, nel maggio scorso, una sola persona con doppia amputazione alle gambe: il 70enne cinese Xia Boyu. Alpinista che aveva perso le gambe per un congelamento nel 1975 proprio nel tentativo di conquistare il “tetto del mondo”.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro