Quotidiani locali

C'è Salvini in piazza a Massa, il prof al comizio con la classe - Video

Ad ascoltare il leader del Carroccio a Massa anche un gruppo di studenti. Il professore che li ha accompagnati si giustifica così: «Sono di destra ma non siamo qui per Salvini, passavamo per caso»

Massa, il prof con la classe al comizio di Salvini: "Sono di destra, ma qui per caso" L'insegnante di matematica in piazza con i suoi studenti di una seconda superiore: "Sono di destra, ma questo non c'entra. Passavamo per caso, abbiamo visto che c'era un po' di confusione e ci siamo fermati. E' importante che i ragazzi si facciano un'idea" (video di Andrea Lattanzi) - L'ARTICOLO

MASSA. Ad ascoltare il comizio di Matteo Salvini a Massa ci sono anche dei ragazzini. Proprio una classe di studenti tra i quattordici e quindici anni, una seconda superiore, con tanto di prof in testa. Aspettano vicini al palco. Basta poco e l’anomalia viene intercettata dai giornalisti.

«Siamo in giro per un progetto, abbiamo visto che c’era confusione, non sapevamo ci fosse Salvini, e per far partecipi i ragazzi di questo evento che interessa tutti ci siamo fermati», spiega il professore di matematica Alfredo Natoli. Gli piazzano una telecamera davanti. Non si scompone Natoli, sorride e argomenta. E quando gli fanno notare l’incongruenza – non potevano andare in una chiesa, in un museo? - chiarisce: «Non siamo venuti apposta». Ci sono inciampati. Non sarà mica un fatto di simpatia politica, prof? «Io non simpatizzo per Salvini o Di Maio. Tendenzialmente sono di destra, ma spero che prevalga il buon senso, l’italiano medio che si alza ogni mattina per lavorare. Non sono uno di quei professori che parla di politica in classe, è sbagliato. Loro devono farsi un’idea da soli, ma per farlo devono conoscere». I ragazzi restano un po’, poi rientrano in classe.

Matteo Salvini a Massa: "Dove sono gli sfigati dei centri sociali?" Ecco alcuni passaggi del comizio di Matteo Salvini a Massa: "Prima gli italiani, poi il resto del mondo". Il leader del Carroccio analizza anche la situazione del Governo e si sofferma sulla sua precedente visita a Massa puntando il dito contro i centri sociali. E scherza, citando la Cgil, sul microfono che non funziona bene... (video di Claudio Cuffaro)


Quando la notizia nel pomeriggio circola Natoli, contattato da Il Tirreno, smentisce la versione mattutina. O almeno, la puntella. «Eravamo in giro per un progetto di orientamento. Rientrando a scuola abbiamo visto che c’era confusione in piazza e ho anche incontrato una persona che conosco. Ci siamo fermati qualche minuto e sono arrivati i giornalisti a fare domande. C’era anche qualche genitore dei ragazzi. Hanno fatto passare che io ho portato la classe a vedere Salvini: le pare che un insegnante siciliano porti volontariamente i suoi alunni a vedere Salvini?».

Versione confermata dalla dirigente dell’Istituto alberghiero G.Minuto, Maria Ramunno. «Il progetto e le uscite sono programmate da inizio anno, con le autorizzazioni dei genitori. Si sono trovati lì rientrando e sono tornati in classe per le 12, come previsto. Non avrei mai autorizzato una visita a un comizio e se fossero andati senza il mio permesso avrei comminato una sanzione. Non è andata così».

GOVERNO Di Maio: “Savona al governo ma non all’Economia”. Salvini ci pensa, Mattarella aspetta

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro