Quotidiani locali

Vai alla pagina su Basta violenza sulle donne
A Casal di Principe nella casa che accoglie le donne in fuga dalla violenza
Da "La Stampa"

A Casal di Principe nella casa che accoglie le donne in fuga dalla violenza

È nata nel 2012 nel cuore della terra di Fuochi e della criminalità organizzata in una villetta sequestrata al clan dei Casalesi

«L’etichetta? Va stesa con delicatezza sul barattolo. Non deve avere rialzi, altrimenti va staccata e riattaccata. Aiutati con la mano, accompagnala». 

Il tono di Carmela è dolce. Angelica è arrivata da poco a ’Casa Lorena’, sta imparando a confezionare marmellate come le altre donne di questo centro antiviolenza nato nel 2012 a Casal di Principe nel cuore della terra di Fuochi e della criminalità organizzata in una villetta sequestrata al clan dei Casalesi. E’ la scommessa sul futuro di chi ha avuto il coraggio di mettere da una parte un passato di violenze e abusi.

Angelica ascolta le parole di Carmela, stacca l’etichetta e la pone con cura sul barattolo. «Ora va meglio», la incoraggia la sua compagna. Ora va meglio davvero per Angelica e le altre donne di Casa Lorena. Una ha un figlio di pochi mesi ed è in partenza per un’altra struttura, un’altra vive lì da cinque anni per sfuggire alle violenze del padre e del nonno. Altre tre arrivano la mattina presto e vanno via nel pomeriggio. Si occupano del laboratorio di marmellate, hanno uno stipendio, muovono i primi passi nel mondo da sole, senza i mariti-padroni che per anni le hanno obbligate a subire ogni forma di violenza secondo una personale interpretazione delle formule ’nella buona e nella cattiva sorte’ e del ‘finché morte non ci separi’ pronunciate durante il matrimonio. 

Le loro storie sembrano ambientate in chissà quale epoca lontana impregnate come sono di una cultura di sottomissione che a volte diventa quasi schiavitù. Invece quando chiedi le date dei processi, delle cause di separazione, emerge una realtà ancora più triste: i sorprusi erano in atto fino a poche settimane fa e potrebbero continuare se solo ad un certo punto queste donne non avessero deciso di aprire gli occhi e di andare.

Mena Delle Curti ha impiegato 38 anni per capire. «Volevo che i miei figli crescessero», spiega. Ora di anni ne ha 59, un terzo dei quali trascorsi tra schiaffi, insulti, minacce, colpita con un fucile a proiettili di sale, chiusa nel bagno, nei pozzi, fuori casa per lasciare campo libero al marito che doveva stare con altre donne. Quante volte ha pensato di andare via? E quante volte è rimasta? Il suo racconto e quello delle altre donne è una lunga serie di «sono andata da mia mamma, mi è venuto a prendere, mi ha promesso di smettere, dopo un po’ ha ricominciato a picchiarmi». E’ un giro senza fine di violenze che si può interrompere in pochi modi. Mena ha provato a andare sui binari della ferrovia e aspettare un treno. L’ha salvata una donna che la conosceva. Allora ha deciso di provare l’altra strada, denunciare e diventare una donna in fuga. «Non voglio più tornare a casa», ha chiarito alle forze dell’ordine. Sono le parole che fanno aprire i centri. Le donne vengono accolte con i figli, se li hanno. Restano alcuni mesi, il tempo di ritrovare sé stesse, una casa e un lavoro, i requisiti necessari per affrontare quello che accadrà quando saranno di nuovo fuori: i pedinamenti, gli agguati, l’angoscia a ogni istante.

Il marito di Mena ancora la insegue, prova a tenerla sotto controllo con strani congegni infilati sotto l’auto, le da il tormento facendole credere di volerla investire. «Quando sono in strada ho paura», ammette lei che con le marmellate di casa Lorena riesce ormai a pagare una casa in affitto, ha acquistato un’auto e per la prima volta in quasi sessant’anni di vita si sente padrona della sua vita. Alla nipote che le chiede perché non trova un nuovo compagno risponde: «No, grazie, voglio stare da sola». Chissà se riuscirà mai a essere davvero da sola, Mena. Per il momento ha avviato la separazione e attende il giudizio nella causa penale contro l’ex marito.

Sonia Salemme, ha 32 anni, cinque figli, quasi metà della vita tra abusi e violenze. E’ rimasta da sola per la prima volta quattro anni fa quando il marito fu arrestato per spaccio. “Ho capito allora che la sua presenza non mi serviva affatto. Avevo un lavoro, una casa, crescevo i miei figli, ero libera. Non avevo più un uomo che mi picchiava, che mi umiliava, ho capito che dovevo fare qualcosa”. Invece ha aiutato il marito a uscire e di nuovo è tornata a tenere in piedi l’idea di una famiglia. Sono passati altri due anni e mezzo di violenze prima di decidere davvero. Pochi giorni prima del Natale 2016, dopo l’ennesima lite e un tentativo di suicidio, ha preso i figli e se n’è andata.

Anche per lei le ex stanze dei boss della criminalità di Casal di Principe sono state il rifugio e anche qualcosa di più. “Qui dentro è iniziata la mia rinascita”. Ora torna a ’Casa Lorena’ ogni giorno per lavorare ma vive con i genitori. La settimana scorsa ha avviato la causa di separazione. Nel frattempo l’uomo da cui sta fuggendo è tornato in carcere. “Penso ogni giorno al momento

in cui tornerà fuori. Ho paura ma devo affrontarla, non voglio passare la mia vita a nascondermi”. La vita di una donna in fuga, la condanna di troppe donne che riescono a trovare il coraggio di denunciare.

Tutte le notizie de "La Stampa"

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro