Quotidiani locali

Un paese senza più classe - L'editoriale

Un nuovo fantasma si aggira per l’Italia: si tratta invece del fantasma del declassamento sociale, con le paure e l’insicurezza che ne conseguono

Un nuovo fantasma si aggira per l’Italia. No, non è il comunismo; né una citazione del famoso incipit del “Manifesto” di Carlo Marx. Si tratta invece del fantasma del declassamento sociale, con le paure e l’insicurezza che ne conseguono. La definizione è del Censis nel suo rapporto annuale. In una nazione dove la classe operaia è stata emarginata e il ceto medio tartassato, dilaga l’angoscia di perdere posizioni nella piramide sociale. Un disagio sempre più diffuso.

Che angustia anche chi ha un tenore di vita più che decoroso ma teme di non riuscire a conservarlo e a trasmetterlo ai propri figli. È l’Italia del risentimento e del rancore verso le istituzioni pubbliche. Le radici sono profonde. Dieci anni di Grande Crisi hanno alterato gli assetti sociali. Da qui deriva buona parte del consenso riscosso dalle forze che vengono definite populiste. Sorprende dunque come il leader che maggiormente ha segnato questa legislatura ormai agli sgoccioli abbia evitato con ostinazione di fare i conti con le ingiustizie sociali, le insopportabili diseguaglianze, le sofferenze di vasti ceti popolari. Negare un problema non lo risolve. Lo esaspera. Così anche nel suo recente tour post-Leopolda Matteo Renzi ha provato a scansare, viaggiando in treno lungo la costa toscana, le aree di crisi, in particolare città calde come Piombino e Livorno. Ma la questione è qui, irrisolta. E lo insegue.

Il segretario del Pd e il governatore della Toscana hanno ingaggiato un’aspra polemica sulle ragioni del fallimento del salvataggio produttivo

dell’acciaieria di Piombino. Enrico Rossi si è avvalso addirittura dell’arma della querela. Se la politica, da arte del possibile, si trasforma in potere immobile, il fantasma del declassamento si ingigantisce. Anche nella Toscana dalle antiche e virtuose tradizioni civiche. Buona domenica.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista