Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoratori sfruttati
Lavora 90 giorni, assunto 2: perde la disoccupazione

Lavora 90 giorni, assunto 2: perde la disoccupazione

GLI SFRUTTATI IN TOSCANA. In sala come cameriere per tre mesi, ma all’Inps risulta solo la settimana di prova. 19 anni, straniero, gli hanno fatto firmare prima il contratto... e subito dopo le dimissioni

MASSA. Dopo un’estate di lavoro, cielo grigio Naspi. Un acronimo per dire sussidio di disoccupazione, qualche settimana di retribuzione dopo l’impiego estivo per traghettarsi fino al prossimo impiego precario.

A Mohammed, nome di fantasia che usiamo per tutelare l’identità di chi ci racconta questa storia, non è concesso nemmeno quest’orizzonte. Il sole gli sorride solo nelle pause per fumare una sigaretta, l’estate lo ha assorbito a tempo pieno, affaccendato tra un tavolo da preparare e un caffè da servire. Ritmi altissimi in uno dei più affollati centri turistici della costa apuana. Uno di quelli che fa grandi numeri e di conseguenza carichi di lavoro intensi, senza troppo tempo per rilassarsi.

Passa la selezione all’inizio di luglio. La trafila per l’assunzione è quella classica: si cerca del personale, cameriere di sala, richiesta flessibilità, il contratto dura tre mesi. E, ovviamente, c’è un periodo di prova prima di firmare il contratto.

Pronti, via. Mohammed supera la valutazione senza problemi. Non è troppo attento ai dettagli quando gli spiegano del contratto: ha diciannove anni, primo impiego dopo la maturità. È solo felice perché ha trovato un lavoro e si prepara a farlo bene. La prospettiva di un reddito fisso per qualche mese lo mette di buon’umore.

Per questo non gli è chiarissimo cosa significhi quando, al secondo giorno di prova, il datore di lavoro lo convoca per fargli firmare delle carte. Afferra confusamente che si tratta di dimissioni, ma gli spiegano che sono una cosa interna: gli parlano di controlli o questioni legate alla registrazione. Quello che gli importa è che non lo mandino a casa, non può perdere il posto conquistato appena due giorni prima. E in effetti questo non succede. Aveva avuto qualche dubbio dopo quella convocazione, una notte piena di pensieri, ma la mattina dopo, quando torna a lavoro, scopre sollevato che non è cambiato nulla. Ordina, apparecchia, prende le comande (le ordinazioni), dà una mano a pulire. Tanta ansia per nulla. E così nella routine di ogni giorno quella lettera firmata svanisce poco a poco dai pensieri, lasciando posto alle incombenze e a un’estate in divisa da sala invece che in costume. Con uno stipendio in tasca.

I soldi arrivano ogni mese, regolari. C’è una certa pressione sul personale e ogni tanto capita di dovere fare delle ore in più. Mohammed è un lavoratore disponibile, non chiede troppo, sta al suo posto e se c’è da stare un po’ di più dice sempre sì. I soldi arrivano sempre, ma non gli vengono versati sul conto. Lo pagano “fuori busta”, in nero. Ancora una volta lui non ci fa molto caso, la paga è quella promessa al primo colloquio e tanto basta. Non è ricca, ma a lui serve per campare.

Finita la stagione arriva altrettanto puntuale la fine del rapporto di lavoro. Assunto a tempo determinato, Mohammed se ne va insieme ai turisti. Sa però che ha diritto al sussidio di disoccupazione. Si fa aiutare e presenta domanda telematica all’Inps, tutto secondo procedura. Qualcosa però non funziona, è come se il suo periodo di lavoro non risultasse nel sistema. Va al centro per l’impiego a chiedere spiegazioni. Quello che gli spiegano lo lascia senza parole.

Il suo contratto è durato due giorni. Sulla scheda c’è il nome e la data di inizio del contratto, 8 luglio, e quella di fine, il 16. Sarebbe la settimana di prova. Ma c’è anche quella di cessazione: 9 luglio, due giorni. In termini di legge, è stato un fantasma. Ha servito ai tavoli per tre mesi ma non è mai stato assunto. Quel giorno in ufficio ha effettivamente firmato le sue dimissioni in bianco, che la cooperativa ha registrato senza dirglielo. Il contratto è una farsa, con due giorni in prova non ha diritto ai contributi né al sussidio. Lo ha dovuto scoprire da solo. Gli rimane il foglio con la data di inizio e fine del contratto, sopra gli sembra di leggere: «Benvenuto nel mondo del lavoro».

L'ESPERTO: PIU' LICENZIAMENTI MA CALA IL CONTENZIOSO
 

SEGNALATECI I VOSTRI CASI: ECCO COME FARE

Il Tirreno raccoglie le storie del lavoro sfruttato in Toscana. Abbiamo deciso, infatti, di iniziare un'inchiesta su chi viene pagato assai meno di quello che prevede il contratto, su chi viene assicurato per la metà del tempo che lavora. O su chi viene inquadrato per una mansione e ne svolge un’altra o altre tre o quattro insieme. Addirittura ci sono casi di persone che continuano a lavorare mesi nella speranza di riscuotere mensilità arretrate perché non hanno visto un soldo da quando hanno varcato la soglia del posto di lavoro. E c’è pure chi si è ritrovato licenziato perché si è fatto male lavorando. Se avete casi da segnalarci scriveteci a inchiestadeilettori@iltirreno.it

Si può chiedere di raccontare la propria storia anche in forma anonima, soprattutto se il lavoro è ancora in corso. Tuttavia è necessario inviare un numero di telefono al quale essere ricontattati per verificare le vicende che ci raccontate.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro