Quotidiani locali

Parla l'orefice: "Ha sparato lui per primo, io ho risposto ai suoi colpi"

Le prime parole al Tirreno di Ferretti. A terra i carabinieri hanno trovato diversi bossoli ora all'esame balistico. Il commerciante è indagato per omicidio volontario. Identificato il bandito: è un italiano con numerosi precedenti per  rapina, era da poco uscito dal carcere di Pisa

Pisa, orefice reagisce e uccide il rapinatore Lo ha ucciso con un colpo di pistola, Daniele Ferretti, titolare della gioielleria che porta il suo nome in via Battelli a Pisa. Sono entrati in due all'ora di chiusura. Nel negozio c'erano Ferretti e la moglie. L'orefice ha fatto fuoco e ucciso un rapinatore. L'altro è riuscito a fuggire - L'articolo

PISA. «Ha sparato lui». Daniele Ferretti, il gioielliere 70enne pisano che martedì 13 giugno sera ha sparato a un rapinatore uccidendolo, è piccolo di statura. Un tipo tranquillo, non ha l’aspetto del pistolero. Seduto nell’auto dei carabinieri, accanto alla moglie, pochi istanti dopo aver subìto l'agguato, ha atteso il trasferimento in caserma per essere sentito come persona informata sui fatti.

Intanto mercoledì 14 giugno  è stata formalizzata l'iscrizione del commerciante nel registro degli indagati, per il reato di omicidio volontario. Lo si apprende da ambienti investigativi. Sempre da quanto appreso l'iscrizione  collegata all'espletamento di accertamenti irripetibili e all'autopsia sul rapinatore morto, ai fini di assicurare tutte le garanzie a difesa dell'indagato. Ferretti è iscritto sul registro degli indagati per omicidio volontario.

L'area della gioielleria sotto...
L'area della gioielleria sotto sequestro dei carabinieri (foto Fabio Muzzi)

Al Tirreno, pochi istanti dopo la rapina, prima di partire con i militari, il commerciante ha detto ancora sconvolto: «Ha sparato lui per primo e ho risposto. I bossoli sono in terra. Tanti colpi ha sparato lui, tanti ne ho sparati io». Frasi pronunciate pochi minuti dopo un conflitto a fuoco. Una situazione di estremo pericolo che, per uno che fa quel mestiere, è sempre dietro l’angolo, anche se spera di non doverla mai affrontare. Dalle sue parole dunque emergerebbe la legittima difesa del gesto.

VIDEO: Il procuratore: "Al vaglio la posizione dell'orefice"

Parla il procuratore Crini: "Stiamo valutando la posizione dell'orefice" Alessandro Crini, procuratore capo della Repubblica di Pisa, parla all'indomani della tentata rapina, con la morte di uno dei banditi, nella zona di Pratale (video Pietro Barghigiani)

Ma saranno gli inquirenti ad analizzare l'esatta sequenza dei fatti. Per il momento quello che è emerso è che a terra, all'interno del negozio di gioielli che si trova a Pisa, nel quartiere Pratale, c'erano nove bossoli, di calibro diverso e quindi sparati da due armi differenti. Dunque i primi reperti catalogati dai carabinieri, che seguono le indagini, sembrerebbero confermare le parole di Ferretti. Il gioielliere era nel suo negozio con la moglie quando due rapinatori hanno fatto irruzione all'interno: uno è rimasto ucciso, l'altro è scappato, pare con un complice e con il "palo" che era rimasto all'esterno del negozio.

leggi anche:

gioielliere

Rapina a Pisa, gioielliere spara e uccide bandito. Altri due in fuga

Una rapina finita nel sangue all'orario di chiusura in via Battelli a Pisa. Nel negozio c'erano l'orefice Daniele Ferretti e la moglie. Altri due rapinatori sono invece scappati. Il titolare era finito più volte al centro delle cronache per le rapine subite. In un caso, quasi vent'anni fa, era rimasto gravemente ferito

Intanto nella mattina di mercoledì fervono le indagini su un doppio binario: da una parte, da un punto di vista giudiziario, la Procura ha iscritto l'orefice sul registro degli indagati. Un atto dovuto, in presenza di un reato, che gli permetterà di nominare un avvocato e un medico legale, quando sarà eseguita l'autopsia sul corpo del rapinatore.  Il commerciante sarà dunque riascoltato dai carabinieri e dalla Procura, questa volta in presenza di un legale. Subito dopo la sparatoria, è stato ascoltato come persona informata sui fatti, come vittima di rapina.

leggi anche:

Nelle prossime ore sarà anche svolto l'esame autoptico sul rapinatore, che nel frattempo è stato identificato grazie alle impronte digitali. Si tratta di Simone Bernardi, 43 anni, originario di Latina ma domiciliato a Pisa, con numerosi precedenti per rapina. Era uscito a marzo dal carcere di Pisa dove aveva scontato una precedente condanna per reati commessi altrove. Secondo quanto si è appreso, inoltre, il commando in azione era composto da tre persone, due delle quali tuttora in fuga. Il bandito morto era anche l'unico ad avere agito con il volto travisato da una calzamaglia e da un paio di occhiali da sole.

Pisa, gioielliere uccide il rapinatore: la prima ricostruzione È finita nel sangue una rapina in gioielleria a Pisa avvenuta nel tardo pomeriggio del 13 giugno. Uno dei banditi è morto: a sparargli il titolare del negozio, Daniele Ferretti, 69 anni. È accaduto in via Battelli, a ridosso del centro della città. In fuga altri due malviventi. In base alle testimonianze i rapinatori sarebbero stati armati di almeno una pistola, ma non è chiaro se fosse vera o un'arma giocattolo - L'articolo

Dall'altro lato, sul secondo binario, proseguono a ritmo serrato le indagini dei carabinieri. In particolare i militari dell'Arma si stanno concentrando sulla caccia al bandito in fuga. Gli investigatori stanno visionando le telecamere della zona e raccogliendo più testimonianze possibili. All'esame della sezione scientifica dei carabinieri anche la Panda usata dai banditi per raggiungere la gioielleria che martedì sera è stata abbandonata dai rapinatori e poi sequestrata dai militari. All'interno potrebbero esserci impronte preziose. 

Nelle prossime ore ci saranno anche esami balistici sui colpi esplosi per cercare di capire quale arma sia stata usata dai banditi, quanti colpi siano stati esplosi e chi abbia agito per primo.

IL BANDITO NEL NEGOZIO IL GIORNO PRIMA

Il bandito morto durante la rapina era sul retrobottega quando i due malviventi sono entrati in negozio: è stata la moglie ad aprire a uno dei due malviventi avendolo riconosciuto perché era passato la sera prima per visionare alcuni preziosi promettendo di tornare il giorno dopo perché, aveva detto, era sprovvisto di carta di credito. Lo apprende l'Ansa da ambienti investigativi.
 
Secondo una prima ricostruzione dei fatti, che deve essere ancora verificata dalla visione delle immagini di videosorveglianza interna del negozio, la donna ha riconosciuto la persona che era venuta la sera precedente e gli ha sbloccato la porta, subito dopo i due banditi hanno estratto le armi e minacciato la moglie di Ferretti che è giunto dal retrobottega impugnando la pistola regolarmente detenuta e invitandoli a desistere. Per tutta risposta, invece, uno dei due malviventi ha fatto fuoco all'indirizzo della donna senza colpirla e Ferretti ha reagito esplodendo sei colpi, due dei quali hanno raggiunto la vittima: uno di striscio, l'altro ha trapassato il busto da una parte all'altra uccidendolo all'istante, dopo essere penetrato da un braccio ed essere fuoriuscito dall'altro.
 
"ESASPERATO DA ALTRE RAPINE"
 
Il gioielliere "aveva già subito altre rapine" e "questo esaspera chi vuole vivere del suo lavoro senza rischiare di dover morire o subire violenze e che spinge, di fatto, ad assumere tutte le precauzioni per potersi difendere". Lo afferma in una nota il segretario del Pd di Pisa, Giovanni Viale. "Daniele Ferretti - sottolinea Viale - è conosciuto nel quartiere, in città e tra i colleghi, come una persona per bene e aveva già subito altre rapine".
 
Ma non tutti la pensano come il segretario cittadino all'interno del Pd pisano. Per il capogruppo in consiglio comunale Ferdinando De Negri, "serve equilibrio tra il diritto a difendersi e l'uso della forza". "Quanto è accaduto ieri - sottolinea l'esponente dem in una nota - ripropone il delicato tema della legittima difesa e la necessità di una sua più chiara regolamentazione, che tenga conto di due esigenze opposte: da un lato quella di consentire alle persone di difendersi da aggressioni armate, dall'altro la necessità di restringere l'uso della forza secondo un principio di ragionevolezza e di proporzione tra i mezzi impiegati per la difesa e la gravità dell'attacco. Nell'Ue questi principi generali vengono attuati con legislazioni molto differenti, che vanno da quelle più restrittive come quella francese, a quelle più permissive come quella tedesca. Credo che si debba trovare un equilibrio tra queste due esigenze fondamentali e mi auguro che il Parlamento possa varare una legge giusta e ampiamente condivisibile".
 
DAI COMMERCIANTI SOLIDARIETA' E RACCOLTA DI FONDI
 
La Confcommercio di Pisa, associazione di categoria alla quale Ferretti è iscritto, si schiera al fianco del gioielliere lanciando l'hashtag #iostocondaniele per promuovere una manifestazione di solidarietà verso il commerciante in programma il 26 giugno e per raccogliere fondi da destinare alle sue spese legali.
 
"Siamo tutti con Daniele Ferretti - dice il direttore di Confcommercio, Federico Pieragnoli - senza se e senza ma. Prima o poi sarebbe dovuto accadere e così è stato. Imprenditori e commercianti vivono sistematicamente sotto assedio, subissati come bersagli immobili di spregi, furti e rapine di ogni tipo. Rischiano ogni giorno la propria vita, difendendo come possono il proprio lavoro, i propri familiari e collaboratori. Sono soli, completamente abbandonati al far west che sono diventate le nostre città, a una politica che non risolve i problemi, a un sistema di sicurezza che non protegge e fa acqua da tutte le parti, a una giustizia inefficace e profondamente ingiusta".
 
Secondo Pieragnoli, "difendersi è un diritto sacrosanto sancito dalla Costituzione, ma se questo diritto non viene garantito, ciascuno è costretto poi a difendersi come può e come crede: per questo ci batteremo con tutte le nostre forze affinché questo esempio di imprenditore non debba subire ulteriori danni e conseguenze da questa incresciosa e tremenda vicenda".
 
LE REAZIONI POLITICHE
 
Il leader della Lega nord, Matteo Salvini, ha subito preso le difese dell'imprenditore pisano. Lo ha fatto anche mercoledì 14 con un tweet.
 
 
"Queste persone che reagiscono, lo Stato deve evidentemente tutelarle nelle forme e nei modi che sono le più corrette", ma "non vorrei un paese dove si fanno le sparatorie per le strade". Lo ha detto Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, sul caso del rapinatore ucciso a Pisa. "Non penso che per ogni episodio di questo tipo si possa riaprire una discussione sulla legittima difesa", ha aggiunto il governatore, secondo cui "non c'è nulla che valga più della vita di una persona", e tuttavia "chi si difende in modo legittimo ha diritto anche a non subire poi una serie di vicende personali, che capisco producano sentimenti di amarezza: la politica che strumentalizza questo secondo me commette un errore. Si può ragionare su tutto, ma attenzione a non smarrire una sequenza di priorità". Secondo Rossi ci vuole "un Paese dove lo Stato magari garantisce più presenza di forze di polizia, più carabinieri sulle strade, assume decine di migliaia di giovani e fa sentire i commercianti e i cittadini maggiormente tutelati laddove ci sono situazioni di difficoltà", per cui "si combatta l'evasione fiscale e si assumano più forze di polizia".
 
"Vicinanza totale a Daniele Ferretti per ciò che ha dovuto vivere e per ciò che gli sta infliggendo un sistema distorto. L'iscrizione nel registro degli indagati non dovrebbe durare più di un minuto, ossia appena il tempo di verificare l'esistenza di una minaccia dalla quale la vittima stata costretta a difendersi". Lo dichiara il deputato di Forza Italia Luca Squeri, commentando il caso del gioielliere di Pisa che, vittima di una rapina, ha ucciso uno degli aggressori. "La riforma della legittima difesa va fatta con urgenza e seguendo un principio chiaro: il diritto per famiglie, esercenti e imprenditori di tutelare la propria sicurezza sapendo di non dover affrontare le forche caudine della giustizia", conclude.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro