Quotidiani locali

Neve in Toscana, gli esperti: "In arrivo fiocchi anche a bassa quota"

Nelle previsioni, tuttavia, ci sono deboli nevicate. Allerta gialla per le province di Massa Carrara e Lucca

È allerta neve anche in Toscana. Secondo gli esperti, ma anche per la Regione, sono in arrivo fiocchi di neve anche a bassa quota.

GLI ESPERTI

Partiamo dal Lamma , che per la notte tra giovedì 12 e venerdì prevede nevicate intorno a 1400-1500 metri di quota, con quota neve in deciso calo soprattutto a partire da fine mattinata. In serata abbassamento della quota neve fino a fondovalle in presenza di forti precipitazioni.

Per Edoardo Ferrara – meteorologo del portale 3bmeteo.com – qualche fiocco di neve potrebbe arrivare su Firenze, Prato e Pistoia già all’alba di giovedì 12. “Inizialmente la neve potrebbe anche attaccarsi al suolo, ma non si accumulerà – precisa l’esperto – visto che arriveranno subito dei venti da sud. I problemi potrebbero esserci in quota, ad esempio sull’autostrada A1 fra Firenze e Bologna. Gli automobilisti prestino la massima attenzione. Come nelle vallate di Casentino, Aretino, Pratomagno e sull’Abetone”.

Il momento più critico dei prossimi giorni sarà la serata di venerdì. “I venti da nord – prosegue Ferrara – porteranno la neve anche in Toscana. Sicuramente prevediamo precipitazioni nevose a 300-400 metri, ma non escludo che la quota sia più bassa: fino a 100 metri ad esempio”. Massima attenzione ad Arezzo, Firenze, Prato e Pistoia. “Non nevicherà sulla costa – conclude il meteorologo del portale – ma nelle zone interne. È una situazione molto dinamica: giusto parlare di attacco artico, ma nella giornata di venerdì, non giovedì”.

«Fra il pomeriggio e la sera di giovedì il tempo inizierà a peggiorare sulle regioni tirreniche con le prime piogge – spiega Daniele Parolin, meteorologo del portale Ilmeteo.it –. La neve per ora è a quote superiori a 1.300 metri e venerdì, con il maltempo, le neve cadrà sugli 800 metri. Per attendere una possibilità di neve in Toscana bisogna aspettare domenica-lunedì: ci sarà un nuovo attacco artico che creerà una bassa pressione sui mari centro-meridionali, che richiamerà area fredda da est e allora le precipitazioni in Toscana potrebbero trasformarsi in neve fino in pianura per questo contributo più freddo».

NEL DETTAGLIO

L'allerta neve nell'Empolese Valdelsa e in gran parte della provincia di Firenze arriva dal servizio meteo di Metrocittà Firenze, che segnala questa possibilità a partire da giovedì 12 gennaio anche a quote basse e collinare. Per questo la Sala di Protezione civile invita alla cautela e alla massima attenzione alla guida. "La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze - si legge nella nota - informa che a partire dalla giornata di giovedì 12 gennaio sono previste sul territorio precipitazioni che potranno assumere anche carattere nevoso a quote basse e collinari, con maggiori probabilità ed intensità nel tardo pomeriggio di venerdì 13". Codice giallo, invece, per la Garfagnana e la Lunigiana.

VIDEO Gelo, gli accorgimenti da seguire

Gelo in arrivo, gli accorgimenti da seguire Come difendere tubi dell'acqua, contatori, macchina e casa? Ecco qualche accorgimento da seguire per non farsi trovare impreparati quando le temperature scendono sotto lo zero (a cura di Cinzia Lucchelli)

FREDDO: CIBO AGLI UCCELLI DELLA RISERVA NATURALE

A causa del gran freddo alle migliaia di uccelli acquatici, tra cui anatre selvatiche e folaghe, presenti nella Riserva Naturale del Padule di Fucecchio è stato distribuito cibo dal personale tecnico del Centro di Ricerca del Padule di Fucecchio, con l'aiuto di alcuni volontari. Nell'area del Padule i valori minimi hanno raggiunto temperature di 7-9 gradi sotto lo zero e di conseguenza le acque risultano in gran parte coperte da una lastra di ghiaccio che impedisce agli uccelli di accedere al cibo sottostante. Il foraggiamento, che da protocollo tecnico viene effettuato solo in condizioni straordinarie, avviene mediante la distribuzione di alcuni quintali di granaglie miste. Il Padule di Fucecchio negli ultimi anni ha assunto il ruolo di area di grande interesse per lo svernamento di uccelli migratori acquatici provenienti da latitudini pi settentrionali. In particolare per alcune specie come l'Alzavola, una piccola anatra selvatica presente in inverno con oltre 5000 individui nell'area protetta, il Padule considerato una delle aree di interesse nazionale e l'area di svernamento pi importante della Toscana.

Amiata, nevicata in vetta: il 2017 si apre sotto i fiocchi Dal pagina Facebook del Rifugio Vetta, la nevicata in vetta all'Amiata durante la mattina di martedì 3 gennaio

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics