Quotidiani locali

Salva banche, i risparmiatori protestano sotto casa della famiglia Boschi - Video

Arezzo: un centinaio di risparmiatori si sono dati appuntamento a Laterina. Esposti cartelli e striscioni

AREZZO. Protesta direttamente davanti alla casa della famiglia del ministro Maria Elena Boschi, a Laterina da parte di un centinaio di risparmiatori e clienti che si ritengono vittime del così detto decreto "salva banche". Una manifestazione nella piazza dello stesso paese di Laterina era stata annunciata nei giorni scorsi, ma prima di recarsi nel piccolo centro, i manifestanti hanno voluto anticipare il loro presidio proprio davanti all'abitazione dei Boschi.

La protesta si è svolta in modo pacifico e a distanza ravvicinata alla proprietà, sotto lo sguardo delle forze dell'ordine che da mesi ormai sono impegnate nel servizio di controllo e sicurezza della casa del ministro.I manifestanti hanno gridato invettive contro il governo e il decreto che, a loro dire, li avrebbe totalmente privati dei loro risparmi in banca. Dall'abitazione della famiglia del ministro Boschi non c'è stato alcun segnale di reazione, alcune persiane delle finestre erano aperte, ma nessuno è stato visto affacciarsi. Carabinieri e funzionari della polizia hanno convinto, dopo un certo tempo, le "vittime del salva-banche" a liberare la strada di accesso all'abitazione, dove non risulta fosse prevista nessuna iniziativa ma dove le "vittime del salva-banche" si erano dati appuntamento con un passaparola, e a dirigersi invece verso la piazza del paese. Cosa che i manifestanti hanno fatto a piedi percorrendo un tratto di strada in salita.

VIDEO La protesta a Laterina

Banca Etruria, manifestanti sotto casa del ministro Boschi a Laterina "Ladri, ladri" e "vergogna vergogna". Così un centinaio di manifestanti si sono avvicinati alla casa del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi e del padre Pier Luigi - ex-vicepresidente di Banca Etruria - a Laterina in provincia di Arezzo. Il corteo doveva ritrovarsi in una piazza del paese dove è approdato solo successivamente. Qualche momento di tensione, quindi, con le forze dell'ordine e con un vicino di casa della famiglia Boschi. Sotto la chiesa di Laterina è stato celebrato un "processo alle banche" nel quale un finto giudice ha condannato il ministro Boschi, il padre, il Governo e le Banche per quanto accaduto ai risparmiatori.DI ANDREA LATTANZI

I risparmiatori - circa un centinaio di persone provenienti anche da alter regioni come Marche ed Emilia Romagna - hanno messo in scena anche delle brevi performance di loro satira. Uno dei manifestanti, vestendosi da finto giudice, con parrucca e toga, si è posizionato sui gradini della chiesa chiedendo ai presenti se secondo loro "Maria Elena Boschi e il padre Pierluigi siano colpevoli o no" della perdita dei risparmi affidati alle banche. Un coro, interrotto dal suono delle campane, ha risposto di sì. Un altro manifestante con dei cartelli tipo sandwich, si  messo di fronte al portone della stessa chiesa e con un megafono si è rivolto al parroco dicendo: "Don Mario, mi raccomando, non faccia più entrare nella casa del Signore, la famiglia Boschi. Se non lo farà, lei, don Mario, sarà compartecipe della nostra rovina economica". Tra i presenti c'è chi lamenta la perdita di cifre tra i settantamila e i centomila euro. Una donna espone un cartello con la scritta "Eccoci, siamo gli speculatori del 2%".

Alla fine della messa, il parroco di Laterina, don Mario Ghinassi, è uscito dalla chiesa del paese e, accettando una richiesta dei risparmiatori vittime del decreto "salva banche" ha impartito loro una benedizione dal sagrato. I manifestanti hanno avuto alcuni scambi di battute con il sacerdote. Qualcuno ha chiesto che cosa gli abbiano potuto dire in confessione i Boschi, frequentatori della parrocchia, ma don Mario, sorridendo, ha replicato dicendo: "Eh, no, per la confessione c'è il segreto". Prima di benedire i presenti il sacerdote ha rivolto loro parole di vicinanza riguardo ai problemi che gli venivano esposti, in particolare, per la perdita dei risparmi affidati alle rispettive banche.

Video: il parroco benedice i risparmiatori

Banche, il parroco di Laterina benedice i risparmiatori di Banca Etruria Al termine della manifestazione nel paese del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi e del padre Pier Luigi, i risparmiatori di Banca Etruria hanno invocato una benedizione da parte di Don Mario Ghinassi, parroco della chiesa di Laterina Ss. Ippolito e Cassiano, frequentata anche dalla famiglia Boschi. "Gli ho dato la benedizione - ha spiegato - perché chiunque me lo chieda di fare io lo faccio". A un ex-obbligazionista che ha detto a padre Ghinassi "oggi benedice persone oneste, altri giorni no", il parroco ha risposto che "il cuore, dice il Signore, è un segreto per tutti"VIDEO ANDREA LATTANZI

I COMMENTI DEI LETTORI

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.