Quotidiani locali

Disabili occupano il Consiglio regionale, resteranno tutta la notte

Chiedono tutele e finanziamenti adeguati per il progetto "Vita indipendente": inutili finora i tentativi di mediazione

FIRENZE. Sono determinati a trascorrere la notte in Consiglio regionale i disabili che, dal pomeriggio di martedì 16 febbraio, protestano all'interno dell'Assemblea toscana per il progetto "Vita indipendente". Ciò dopo che non è andato a buon fine neanche il tentativo di mediazione portato avanti dai capigruppo, che hanno proposto e messo a punto una mozione unitaria condivisa con i disabili per venire incontro ad alcune delle loro richieste.

Insieme ai disabili, fanno nottata in Consiglio anche i loro accompagnatori e il capogruppo di Sì Toscana a sinistra, Tommaso Fattori. La mozione, che va al voto nella mattina di mercoledì 17 come primo atto all'ordine del giorno, ribadisce "la necessità che la Giunta regionale assicuri agli assistiti la continuità dei progetti in essere"; auspica che "la Regione Toscana voglia aumentare la dotazione del fondo" per il progetto "Vita indipendente" e che "predisponga con urgenza una proposta legge che abbia la finalità di rendere strutturale il progetto"; e impegna la giunta regionale a "diramare una circolare interpretativa con lo scopo di chiarire le modalità di attuazione" del progetto stesso.

Un nutrito gruppo di disabili in sedia a rotelle, che fanno parte dell'associazione "Vita indipendente", nella mattina di martedì 16 febbraio aveva invaso l'aula dove si stava svolgendo la seduta del Consiglio regionale della Toscana per chiedere un incontro con l'assessore al diritto alla Salute Stefania Saccardi o con il presidente della Regione Enrico Rossi, entrambi non presenti in aula. I disabili hanno fischiato, suonando trombette e scandendo ad alta voce il nome dell'assessore Saccardi. Il presidente del Consiglio Eugenio Giani ha chiesto ai commessi di non allontanare i disabili e dopo aver invitato i manifestanti ad abbassare i toni, ha annunciato l'intenzione di voler cominciare la seduta, nonostante gli schiamazzi. Molti consiglieri sono comunque usciti dall'aula e Giani ha spiegato

ai manifestanti che l'assessore Saccardi era a Roma e sarà in aula soltanto mercoledì 17. Al centro della protesta, l'applicazione solo parziale da parte delle Asl di una delibera di indirizzi per il progetto "Vita indipendente" e le risorse previste per la sua applicazione.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista