Quotidiani locali

Addio Rudy Buratti, signore del vino a Castello Banfi

Si è arreso a un brutto male: aveva 56 anni. Arrivato dal Trentino nei primi anni Ottanta, si era innamorato di Montalcino e della Toscana

MOMNTALCINO. Morto nella mattina del 13 gennaio Rudy Buratti, direttore enologo di Castello Banfi. Aveva 56 anni, si è arreso ad un brutto male. Di origine trentina, era arrivato in azienda in Toscana giovanissimo, nel 1983. "Sceso", come amava raccontare lui, per uno stage, si era innamorato dell'azienda di Montalcino dove aveva lavorato al fianco di Ezio Rivella per quasi 20 anni, prima di assumere, a partire dal 1999, la totale responsabilità produttiva di Banfi.

"Dotato di una forte personalit - si legge in una nota -, in questi trentacinque

anni si  dedicato all'azienda con un amore totale e indiscusso, regalando alla stessa alcuni tra i vini pi rappresentativi ed emozionanti nel mondo. La sua scomparsa crea un vuoto immenso tra i colleghi che ne danno il triste annuncio". Rudy Buratti lascia la moglie e due figlie.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro