Quotidiani locali

scandicci 

Simone Cristicchi fa rivivere le canzoni di Sergio Endrigo

SCANDICCI. Sergio Endrigo e Simone Cristicchi erano cari amici. Ricorda quest’ultimo: «Per me non è stato solo un maestro ma una guida spirituale. Nel mio disco d’esordio, “Fabbricante di canzoni”...

SCANDICCI. Sergio Endrigo e Simone Cristicchi erano cari amici. Ricorda quest’ultimo: «Per me non è stato solo un maestro ma una guida spirituale. Nel mio disco d’esordio, “Fabbricante di canzoni” Endrigo canta insieme a me “Questo è amore”. È l’ultima canzone registrata prima della sua scomparsa, il 7 settembre 2005». Di Endrigo, chi l’ha ascoltato dal vivo, ricorda l’apparente leggerezza, quasi una sorta di disincanto, di preziosa “distrazione”. Il piacere stava nella giustezza della parole, semplici e flessuose, nella corrispondenza melodica, raffinata e orecchiabile.

A Sergio Endrigo i Nem (Nuovi eventi musicali) dedicano un omaggio capitanato appunto da Simone Cristicchi che domani (14 settembre) è di scena a Scandicci, area di San Giusto, nell’ambito del cartellone Open City 2017. Una serata per ricordare l’artista e amico attraverso i suoi più grandi successi, da “Aria di neve” a “Io che amo solo te” a “Era d’estate”, ma anche l’occasione per riascoltare alcuni tra i brani più amati di Cristicchi, come “Ti regalerò una rosa” del 2007 e “La
prima volta (che son morto)” del 2013. Ad affiancare Cristicchi sul palco sarà l’ensemble “I nostri tempi” diretto da Edoardo Rosadini, che a sua volta proporrà pagine classiche di Mozart e Prokofiev.

Inizio concerto ore 21,30. Ingresso libero.

Gabriele Rizza

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista