Quotidiani locali

Vai alla pagina su È domenica
Quella voglia non esaudita di sicurezza

Quella voglia non esaudita di sicurezza

La tutela dei cittadini è un bene da difendere in via prioritaria. Non è valore né di destra né di sinistra; è precondizione della convivenza civile

 Voglia di sicurezza. Se viaggi in auto con la persona a te cara, desideri arrivare a destinazione sano e salvo. Passi sotto il cavalcavia dell'autostrada e finisci schiacciato da tonnellate di cemento. Una metafora dell'Italia, è stato scritto con una dose di cinismo. Ma i coniugi marchigiani Emilio Diomede e Antonella Viviani non sono stati uccisi da una metafora, ovvero da una figura retorica come l'iperbole. Quei paroloni cioè che abbondano nei salotti tv della politica chiacchierata. No, sono morti per colpe umane (ancora da individuare) e per inefficienze strutturali di un sistema in cui la vita umana è un'entità trascurabile. Un funerale, qualche lacrima e amen.

Voglia di sicurezza. In pochi secondi, in una notte, si è trasformato prima in vittima e poi in carnefice. Si chiama Mario Cattaneo il proprietario di una tabaccheria-osteria nel Lodigiano che ha ucciso uno dei ladri sorpresi a svaligiare il locale. La procura della Repubblica lo ha indagato per omicidio volontario. La comunità in cui vive, conosciuto e stimato, lo difende, stanca di una legge che appare clemente con chi delinque per mestiere e si presenta inflessibile con chi subisce. Monta il senso di impotenza di fronte all'illegalità, ai furti, alle rapine, alle piccole e grandi vessazioni.

La sicurezza dei cittadini è un bene da difendere in via prioritaria. Non è valore né di destra né di sinistra; è precondizione della convivenza civile. Se non lo fa lo Stato - e spesso non lo fa - il cittadino scivola nella disperazione. Voglia di sicurezza. E' impressionante il numero di donne vittime di violenza. Picchiate, sfregiate, uccise. Il nostro giornale è impegnato da settimane in una campagna di denuncia e sensibilizzazione. Passato l'8 marzo, non smetteremo. Le leggi da sole non

bastano, è battaglia culturale. Certo. Ma l'impiego del braccialetto salvavita potrebbe scoraggiare maschi assetati di possesso. Sicurezza, una voglia inesaudita. Buona domenica. @VicinanzaL ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro