Quotidiani locali

Mostro di Firenze: nullo il processo a Mignini e Giuttari

La Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della procura generale di Firenze contro la decisione della Corte di appello di Firenze che aveva decretato la competenza territoriale di Torino

FIRENZE. La corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della procura generale di Firenze, confermando così la competenza di Torino sul procedimento a carico del pm di Perugia Giuliano Mignini e del poliziotto-scrittore Michele Giuttari, che erano stati processati a Firenze per abuso d’ufficio in concorso. Nel novembre 2011, la corte d’Appello di Firenze aveva annullato la sentenza di primo grado, con cui, nel 2010, Mignini era stato condannato ad un anno e 4 mesi e Giuttari a 6 mesi. Secondo la corte d’Appello, infatti, la competenza territoriale non è fiorentina ma di Torino, visto che fra le persone offese c’è un magistrato di Genova. La procura generale di Firenze aveva fatto ricorso in Cassazione proprio contro quella decisione. Il ricorso è stato dichiarato inammissibile. Adesso gli atti saranno trasmessi alla procura di Torino. L’abuso di ufficio contestato a Mignini e a Giuttari riguarda una serie di indagini su giornalisti e funzionari delle forze dell’ordine svolte, secondo l’accusa, per condizionarli perché avevano tenuto atteggiamenti critici riguardo l’inchiesta

sulla morte del medico Francesco Narducci, che la Procura umbra riteneva collegata alle vicende del mostro di Firenze. Mignini è stato poi il titolare dell’inchiesta sull’omicidio di Meredith Kercher. La decisione della Cassazione è stata definita da Giuttari «un’altra bella vittoria».

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare