Quotidiani locali

Maremma da gustare

Maremma, la mia terra, di cui quando posso racconto i piatti nel blog www.lascimmiacruda.info . Terra di briganti e di cinghiali, di persone schiette, vere, forse un po' rudi. Maremma, che ti sorprende ad ogni angolo con scorci mozzafiato sul mare e sulla campagna, zona ricca di sapori, a volte dimenticati, ma che stanno tornando sulle tavole. Come i crostini alla lacrima: pane toscano agliato e tostato, brodo vegetale a bollore nel quale fare una stracciatella di uovo e pecorino. Un sugo di olio buono, pomodoro, aglio e tanto "pizzico", da unire alla stracciatella. Via sul pane con un pezzetto di lardo e sentirete che bontà!

Due ingredienti faranno la differenza: l'olio e il pecorino. Personalmente consiglio l'olio extravergine Il Venerabile, della comunità grossetana di Batignano, intitolato a un agostiniano vissuto sul territorio intorno al Seicento. Potete trovarlo dagli olivicoltori della Apov (Associazione Produttori Olio Venerabile di Batignano) tra cui il Frantoio Rocchi Mario. Un sapore unico, leggermente piccante l'olio appena franto, di un bel verde acceso, fino al sapore deciso che accarezzerà il palato del più maturo, color giallo oro.

Un ottimo pecorino, magari di grotta, potete reperirlo al Caseificio Spadi a Roccastrada. Quello di grotta è un formaggio a pasta bianca, ottenuto dal riposo di 120 giorni nelle anse naturali di tufo. Umidità, temperatura e microclima della grotta (non ricreabili artificialmente) regalano al pecorino una consistenza ed un gusto unici,

insuperabili.E mentre sarete alla ricerca di questi prodotti, godetevi i due borghi, sviluppatisi entrambi in epoca medievale. Passeggiando per le stradine soffermatevi sui resti delle mura e sull'antico convento sconsacrato a Batignano. A Roccastrada fate una sosta al Teatro dei Concordi.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare