Quotidiani locali

Vai alla pagina su Prato Calcio
Prato  a caccia di un attaccante ma non farà follie

AC Prato Calcio

Prato  a caccia di un attaccante ma non farà follie

Mercato fermo per i biancazzurri dopo l’arrivo di Colli. Califano: «Non terremo nessuno se verrà chiesto»

PRATO. Il Prato non avrà sussulti in questa finestra di calcio mercato. Dopo l’uscita di Marini, che è andato al Sassuolo, e l’arrivo di Lorenzo Colli di proprietà del Bologna ma che fino a gennaio è stato alla Casertana il mercato del Prato sarà affidato alla ricerca di un attaccante. Se poi dovesse andar via qualche altro giocatore (i nomi sono quelli di Ceccarelli e di Marzorati) allora verrà sostituito. Quindi una politica di mantenimento con a breve due sfide da dentro o fuori. «Facciamo un grande in bocca al lupo ad Alberto Marini che va al Sassuolo – spiega il direttore sportivo del Prato Gianni Califano – lo abbiamo sostituito numericamente con Lorenzo Colli del Bologna e confidiamo che metta in mostra le sue qualità qui a Prato. Sono sicuro che ci sarà un grande acquisto e sarà quello del rientro di Gargiulo che dopo l’infortunio sarà un giocatore fondamentale per questa squadra e lo ha già dimostrato lo scorso anno. Inoltre andremo a trovare un altro attaccante al posto di Vangi che è andato via a dicembre. Capisco che la classifica è drammatica e tanti tifosi si aspettano chissà che cosa ma la nostra politica non è, come fanno altre società, di non mantenere gli impegni ma quella che tutti dovrebbero fare».

Quindi solo se ci saranno delle partenze avremo dei nuovi arrivi?

«Esatto, non terremo nessuno se verrà chiesto e se qualcuno uscirà lo sostituiremo. Anche se siamo scarsi, questo ha detto finora il campo e la classifica e sicuramente anche noi abbiamo fatto degli errori, molti ragazzi hanno avuto richieste e tra questi c’è Ceccarelli che ha segnato tanto e ha mercato. Inoltre penso che noi abbiamo tanti giovani che dopo sei mesi di esperienza potrebbero davvero cambiare passo».

Ora due gare fondamentali da dentro o fuori con Cuneo e Gavorrano.

«Io ci credo. È chiaro che se dovessero andare male la situazione sarebbe ancora più difficile e si dovrebbe parlare di miracolo. In questa situazione mi aspetto molto dai ragazzi e se ci saranno delle carenze ci faremo trovare pronti sempre con un occhio attento ai numeri». Il Prato giocherà un’amichevole domattina con la Berretti e mercoledi alle 14,30 per gli ottavi di finale Coppa Italia di serie C sfiderà il

Pontedera al Mannucci per poi giocare sempre a Pontedera, domenica 21 gennaio alle 14,30, contro il Cuneo un match spareggio. «So che è una squadra viva e quindi cercheremo di trovare dentro di noi quelle motivazioni per migliorare la classifica» dice mister Catalano.

 

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon