Quotidiani locali

Prato, passo avanti ora occorre vincere

Dopo il pari ottenuto a Lucca, domenica contro l’Arzachena tornano Alastra e Tchanturia, ancora ai box i tre infortunati

PRATO. Il Prato guadagna un punto contro la Lucchese nel turno infrasettimanale ed ora vuole confermarsi nella sfida che ci sarà domenica alle 14,30, sul neutro di Pontedera, contro l'Arzachena. I biancazzurri, pur in formazione rimaneggiata, con ben 5 assenze sono riusciti a fare una buona partita e gli avanti pratesi hanno avuto anche due occasioni per portare in vantaggio la propria squadra. I tiri di Ceccarelli che ha colpito il palo e quello di Martinelli parato sono il segnale che la squadra c'è e si è ritrovata. Ci voleva un risultato positivo soprattutto per il morale e dare consapevolezza al lavoro che durante la settimana mister Catalano, tra l'altro allontana dal campo per proteste, mette negli allenamenti. Ora rientreranno il portiere Alastra e l'attaccante Tchanturia dalle rispettive nazionali under 20 con i tre infortunati ( Ghidotti, Guglielmelli e Gargiulo) ancora ai box. Nota positiva il rientro a sinistra di Seminara che dopo i 30 minuti con il Piacenza ha giocato il secondo tempo contro la Lucchese. Potrebbe essere lui il giocatore su cui puntare. «Venivo da un infortunio e in ritiro ho avuto una ricaduta - spiega Seminara - l'ambiente di Prato è il migliore dove poter crescere. Contro la Lucchese abbiamo giocato con determinazione e le sfide uno contro uno ne abbiamo perse davvero poche. Bisogna andare avanti con questa voglia che abbiamo fatto vedere nell'ultima gara». Contro i sardi potrebbe esserci proprio Seminara insieme a Fantacci (entrambi scuola Empoli) che ha dimostrato di essere molto forte dal lato tecnico e di visione di gioco. Manca da troppo tempo la rete decisiva. Fino a questo momento l'unico a finalizzare le azioni collettive è stato Ceccarelli che ha segnato 6 reti. Mancano all'appello Piscitella, Orlando e Vangi che sono ancora senza reti dopo 13 giornate. Se il tridente offensivo riuscisse a capitalizzare il gioco che il Prato propone sicuramente i punti in cascina sarebbero di più. Non sarà una gara agevole perché la matricola smeraldina è reduce dal successo con il Cuneo e non ha giocato il turno infrasettimanale in quanto giornata di riposo. La squadra messa in campo da Giorico è super offensiva e gioca con un tridente offensivo composto da Curcio, Vano e Sanna. Questo modulo d'attacco ha permesso di superare 3-0, nel derby sardo, l'Olbia e poi di sconfiggere
la squadra piemontese, dopo che Curcio aveva calciato alto un calcio di rigore, con il gol di Bertoldi con un tiro da fuori area. Ha in classifica ben 19 punti e in questo momento è la sorpresa del campionato. L'arbitro della sfida sarà Rossetti di Ancona.

Vezio Trifoni

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista