Quotidiani locali

tiro al volo

Un anno dopo l’oro olimpico Marco Innocenti si racconta

«Quel 10 agosto 2016 resta indelebile. Ora mi riposo, ma non è ancora finita» Il campione montemurlese di tiro al volo riceverà dal Coni la medaglia al valore atletico

MONTEMURLO. Il 10 agosto dell’anno scorso a Rio Marco Innocenti per la prima volta nella storia portava Montemurlo sul podio olimpico. Il campione di tiro a volo ricorda quei momenti e a distanza di un anno ancora non ha metabolizzato la medaglia e dice: «Mi sembra ancora una cosa strana». E dal Coni per Marco arriva la “medaglia d'oro al valore atletico”. È già passato un anno da quel 10 agosto quando tutta Montemurlo era incollata allo schermo della tv con le dita incrociate per Marco Innocenti, il primo montemurlese della storia ad essere riuscito a conquistare l'argento olimpico nel tiro a volo specialità double trap. I duri mesi di allenamento, i sacrifici lontano dalla famiglia, l'estrema concentrazione e determinazione nella finalissima, la gara della vita, con quei piattelli che a Rio non uscivano mai uguali a causa della pioggia e del vento, che avrebbero potuto infrangere il sogno di una vita.

Tutto scorre come un film negli occhi di Marco, che nonostante tutto e tutti ce l'ha fatta ed è “storia”. Il suo pianto liberatorio in mondovisione, l'abbraccio al ct Mirco Cenci, quando oramai sapeva che una medaglia l'avrebbe portata a casa, sono rimasti nel cuore di tutti e a distanza di un anno Marco Innocenti dice che quel 10 agosto 2016 «è come il mio nuovo compleanno. Sembra ieri ma è già passato un anno. Mi sembra una cosa strana e sinceramente ancora non ho metabolizzato del tutto la medaglia. I ricordi di quei momenti sono ancora vivissimi e per me questa data rimarrà indelebile nel cuore e nella mente».

Il 10 agosto, notte di San Lorenzo, a Rio de Janeiro nasceva una nuova stella, che a pieno titolo è entrata nell'olimpo dello sport italiano. Non è un caso che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, proprio in questi giorni ha scritto di suo pugno a Marco Innocenti per informarlo che sarà premiato con la “medaglia d'oro al valore atletico” per il successo riportato alle Olimpiadi di Rio e per la sua straordinaria carriera. Anche il presidente della Fitav, il senatore Luciano Rossi, ha telefonato a Marco Innocenti per ricordare l'importante anniversario della vittoria e per rammentare con lui l'emozione di quei momenti a Rio 2016.

«Ricordo con grande emozione quel giorno - commenta il sindaco del Comune di Montemurlo, Mauro Lorenzini – Marco è un uomo e un atleta straordinario, un vero orgoglio per Montemurlo». Una stagione di grandissime soddisfazioni, fatta di impegni pubblici e gare. Dopo Rio, infatti, Marco non si è fermato ed è riuscito a portare a casa la medaglia d'oro a squadre agli europei di Baku 2017 e la

medaglia d'oro all'Emirates Cup lo scorso maggio in Umbria. Ora, però, Marco ha deciso di tirare un po' il fiato, di recuperare forze e concentrazione e salterà i mondiali in Russia a settembre, anche se non ha alcuna intenzione di ritirarsi dalle competizioni internazionali.
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare