Quotidiani locali

Vai alla pagina su Prato Calcio
Monaco tentato dalla difesa a tre  

AC Prato Calcio

Monaco tentato dalla difesa a tre  

Il tecnico del Prato potrebbe cambiare schema per sorprendere l’Arezzo

PRATO. Il Prato deve conquistare punti pesanti ad Arezzo nel match di sabato 22 (20,30). I biancazzurri dovranno fare la partita perfetta per strappare tre punti all’Arezzo, in casa un rullo compressore che si è piegato solo una volta, contro la Cremonese. Francesco Monaco sta preparando la partita nei minimi dettagli e durante il test infrasettimanale contro la Berretti ha testato la formazione da schierare nel derby. La novità principale riguarda lo schieramento di gioco.

L’allenatore ha infatti provato la difesa a tre, con Marzorati perno centrale. Nel primo tempo l’ex Modena è stato l’unico giocatore ad andare a bersaglio. Nella ripresa Monaco ha mischiato le carte, tornando al classico 4-2-3-1, modulo ormai pienamente memorizzato dalla squadra. L’amichevole ha dato indicazioni importanti sullo stato di forma dei singoli. In particolare Giammario Piscitella, autore di una doppietta che, sommata al gol di Malotti, ha fissato il risultato finale sul 4-0.

Esperimenti e indicazioni utili per il tecnico biancazzurro che potrebbe schierare insieme Martinelli (ex Arezzo e aretino doc), Ghidotti e Marzorati per rinforzare l’ossatura centrale e blindare la porta di Melgrati. Il peso dell’attacco invece continuerà a stare sulle spalle di Gabriele Moncini. Il dilemma è se abbinare al numero 9 due trequartisti (Romano e Tavano che garantiscono soluzioni in verticale e trame veloci attraverso l’uno-due) oppure una seconda punta (l’ipotesi più papabile è De Marchi) che potrebbe usare la sua stazza fisica per affollare l’area di rigore e sfruttare i suggerimenti degli esterni Di Molfetta e Piscitella. L’attaccante ex Carpi deve ancora sbloccarsi ma quando è stato impiegato si è reso utile con l’assist vincente contro la Viterbese e il rigore decisivo conquistato ad Alessandria.

Contro la formazione di mister Bertini, Monaco ha alternato tutti i giocatori della rosa (ancora leggermente appesantiti dalla doppia seduta di martedì) tranne Brondi e Ceccarelli che continuano a lavorare a parte. Mentre Carcuro, non ancora al top della condizione, è sceso in campo regolarmente. Il Prato dovrà cercare la duttilità dei suoi giocatori e provare a confrontarsi con l’Arezzo terza della classe (Sottili nelle ultime sette partite ha utilizzato stabilmente

la difesa a tre) per confondere l’avversario e puntare sull’effetto sorpresa. Il Prato è l’unica squadra del girone A di Lega Pro ad utilizzare in pianta stabile il 4-2-3-1. Per la prima volta Monaco potrebbe rinunciare al suo credo tattico per dare fastidio all’Arezzo.
 

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVI SERVIZI EDITORIALI

Una redazione a disposizione degli autori