Quotidiani locali

Prato, il miracolo sarà fare sette punti nelle ultime tre gare 

Monaco ha tutti gli uomini a disposizione per Arezzo Melgrati: «Dobbiamo mettercela tutta, ora conta il gruppo»

PRATO. Derby per la formazione biancoazzurra sabato prossimo alle 20, 30 al comunale di Arezzo. Tre giornate al termine della regular season e la formazione di Monaco, dopo la sconfitta casalinga con la Cremonese, cerca i tre punti in trasferta. Non sarà facile espugnare il campo degli amaranto che non hanno ma perso in casa e vogliono mantenere la terza posizione in classifica per essere teste di serie nei playoff. Il Prato potrà contare su tutti gli uomini a disposizione perché sia Brondi che Ceccarelli si sono allenati, anche se a parte, ma la rosa è al completo. «Dobbiamo pensare solo a noi — spiega il portiere Melgrati — l’unico risultato a cui dobbiamo pensare è quello di vincere per sperare ancora nella salvezza diretta. Nelle ultime gare abbiamo espresso un buon gioco e sono arrivati anche punti ma sapevamo che dobbiamo fare ancora di più». La Carrarese affronta il Pontedera e in caso di vittoria dei canarini l’ultimo posto salvezza sarebbe difficile da conquistare. «Ora tutte le partite sono difficili e valgono doppio, anzi triplo — continua Melgrati — è chiaro che non sarà facile ma dobbiamo mettercela tutta per provarci. Conta il gruppo è l’affiatamento» . Nelle ultime gare sei stato protagonista soprattutto ad Alessandria con il rigore parato a Gonzalez. «Mi fa piacere giocare bene e riuscire a chiudere lo specchio della porta agli avversari — conclude Melgrati — ma ora dobbiamo tutti dare il massimo, anzi di più, per salvarci» . Chi tornerà ad Arezzo da ex sarà Riccardo Martinelli. «Ho giocato nell’Arezzo nelle giovanili poiché sono aretino — dice Martinelli — sicuramente i primi 5 minuti del riscaldamento avrò un po’ di brividi ma poi passerà tutto e cercheremo di fare punti anche su un terreno difficile come Arezzo». Il Prato nelle ultime gare sta facendo bene ma non riesce ad agganciare la zona salvezza «L’obiettivo è salvarsi — continua Martinelli — a fine girone di andata ci davano tutti per spacciati ed invece ora lottiamo per una salvezza diretta. Dobbiamo continuare a crederci e non guardare le nostre dirette avversarie. Abbiamo dimostrato con la gara con l’Alessandria che possiamo giocarcela con tutte le squadre e così faremo». Il Prato dopo la gara con l’Arezzo sarà
di scena in casa contro il Giana Erminio (sabato 29 aprile alle 16, 30) è l’ultima di campionato sarà a Piacenza sabato 6 Maggio alle 16, 30. La tabella di marcia direbbe che per salvarsi servirebbero 9 punti ma se i biancoazzurri riuscissero a farne 7 potrebbero davvero pensare al miracolo.

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare