Quotidiani locali

Sfondano la vetrina con mazza e ariete e fanno razzia di occhiali

Prato, furto con spaccata all'Ottica Felici di Vergaio. La titolare: "Erano già venuti due settimane fa neutralizzando i sistemi di allarme"

PRATO. Hanno usato una grossa mazza per rompere la vetrina dell’ingresso e un ariete in cemento armato per entrare nel negozio. L’ennesimo furto con spaccata è avvenuto poco prima dell’alba di lunedì 10 luglio nell’Ottica Felici di via Traversa Pistoiese, a Vergaio. Ingente il bottino, seppure ancora non quantificato: 4-500 occhiali per un valore di qualche migliaio di euro. Un colpo che sembra quasi fotocopia di quello messo a segno nel maggio scorso all’Ottica Mannucci.

Dal fotogramma del video della...
Dal fotogramma del video della telecamere si vedono gli scaffali completamente svuotati

«Sono entrati verso le 4 di stanotte – racconta Sonia Baldi, una delle titolari – quasi sicuramente in due, hanno rotto il vetro a mazzate e hanno usato un ariete in cemento armato per entrare. Poi in due minuti e mezzo hanno portato via circa 400-500 occhiali. Secondo me erano venuti già in precedenza perché sapevano dove andare e perché avevamo subito un tentativo di furto già un paio di settimane fa».

 

Grazie all’allarme collegato con le centrali operative delle forze dell’ordine, sul posto sono arrivati quasi in tempo reale sia le guardie giurate che una pattuglia dei carabinieri. Così i ladri non hanno potuto completare l’opera, magari aprendo anche la cassa, e sono scappati in fretta accontentandosi del già sostanzioso bottino.

«Dal filmato delle telecamere si vedono due persone che entrano e agiscono e le stesse due che risalgono in macchina, portandosi dietro l’ariete di cemento», prosegue la titolare. Che poi racconta un particolare inquietante e significativo, relativo ad un episodio precedente non andato in porto. «Due settimane aveva già tentato di entrare, ma senza riuscirci. La mattina abbiamo trovato le telecamere e gli allarmi neutralizzati con dei cerotti, non solo quelli dell’ottica, ma anche dei negozi vicini. è passato poco tempo e non abbiamo avuto modo di ripristinare tutti i sistemi di sicurezza, ma abbiamo almeno potuto rimettere la sirena nuova ed avevamo le telecamere interne ed esterne al negozio che funzionavano».

Le indagini dei carabinieri sono cominciate proprio dall’analisi dei filmati delle telecamere, nei quali i due malviventi hanno il volto coperto. Un altro indizio è l’auto con la quale i ladri sono scappati.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro