Quotidiani locali

La cassaforte non si apre e l'oro resta al Monte dei pegni

La protesta di una donna disabile di Pistoia che per due giorni non ha potuto ritirare i gioielli: "Mi hanno detto che l'unica chiave ce l'ha un dipendente malato". Le scuse della banca

PRATO. L’oro è dentro la cassaforte del Monte dei Pegni, ma la cassaforte non vuole saperne di aprirsi e una donna disabile di Pistoia ha dovuto fare avanti e indietro per due giorni senza riuscire a recuperare i gioielli che aveva depositato allo sportello pratese. Una situazione veramente singolare quella che si è trovata di fronte Emanuela Teresa Mastrandrea, disabile impegnata in un’associazione di volontariato, che ieri, 5 dicembre, al secondo rifiuto, ha deciso di raccontare la storia al Tirreno.

"Qualche tempo fa ho impegnato alcuni gioielli per far fronte a un’esigenza di liquidità - racconta la donna - e nel frattempo c’è stato il passaggio di Banca popolare di Vicenza nel gruppo Intesa SanPaolo. Ci hanno detto che, nel caso volessimo recuperare l’oro, sarebbe stato meglio ritirare i gioielli entro l’11 dicembre, altrimenti c’era il rischio di dover andare fino a Firenze. Per questo ha deciso di estinguere la polizza che avevo acceso col Monte dei Pegni di Prato e pensavo che sarebbe stata una cosa veloce". Ma così non è stato. "No, infatti - aggiunge la signora Mastrandrea - Mi sono presentata lunedì e mi hanno detto che c’era un problema e non era possibile ritirare i gioielli, così sono tornata oggi (il 5 dicembre, ndr) e il problema non era risolto. Dicono che la chiave della cassaforte ce l’ha un dipendente che si è ammalato e sembra che non ce ne sia un’altra. Ma vi sembra possibile che la chiave ce l’abbia solo un dipendente e non qualche suo superiore? Per me è un bel disagio, sono disabile e vengo da Pistoia. E come me ci sono altri che vorrebbero ritirare l’oro".

Di fronte alle insistenze della donna, la banca ha fatto intervenire un tecnico, che si è messo a lavorare alla cassaforte ieri pomeriggio per tentare di aprirla.

Emanuela Teresa Mastrandrea è tornata a casa e le hanno detto che sarà avvertita quando il problema sarà risolto. Dalla banca fanno sapere che in effetti c’è stato un problema tecnico e si scusano coi clienti per il disservizio. Contano di risolvere la questione nel giro di poco tempo.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista