Quotidiani locali

Bus stracolmo, decine di multe agli studenti

La protesta del padre di un'alunna della media Pier Cironi: "Il mezzo era così pieno che non era possibile raggiungere le macchinette obliteratrici, ma i controllori Cap non hanno sentito ragioni". Come fare ricorso

PRATO. "Mia figlia e altre decine di studenti che tornavano a casa dopo la scuola sono stati multati perché il bus della Cap era troppo pieno e non sono riusciti a raggiungere la macchinetta per timbrare". La protesta arriva da Simone Congedi, che abita alla Querce. Nel pomeriggio del 12 ottobre, la figlia, che frequenta la scuola media Pier Cironi, è tornata a casa con una multa da 10 euro e ha spiegato che i controllori Cap non hanno voluto sentire ragioni. Il bus, dicono i ragazzi, era così pieno che era impossibile raggiungere le macchinette obliteratrici, a cui bisogna timbrare anche se si ha l’abbonamento, come la maggior parte dei ragazzi. I verificatori sono saliti all’altezza della Macine e, secondo quanto riferito dalla ragazza, hanno fatto decine di multe.

Dalla Cap fanno sapere che di solito i controllori sono comprensivi. Quando il mezzo è molto pieno può capitare che l’autista faccia salire gli studenti anche dalla porta centrale

o da quella posteriore, da dove è praticamente impossibile arrivare alle obliteratrici che sono nella parte anteriore. In ogni caso, dicono dalla Cap, è possibile fare ricorso presentando le proprie ragioni di persona all’ufficio di piazza Duomo o scrivere alla mail segreteria@capautolinee.it

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics