Quotidiani locali

Istigazione al suicidio, indagata una quindicenne

Secondo la procura dei minori, che ha aperto un fascicolo, la ragazza di Prato avrebbe coinvolto una tredicenne nel "Blue whale", il gioco telematico che spinge all'autolesionismo

PRATO. Una ragazza pratese di 15 anni è iscritta sul registro degli indagati della Procura dei minori di Firenze per il reato istigazione al suicidio. Lo scrive il quotidiano on line Notizie di Prato, precisando che il fascicolo è stato aperto dal sostituto procuratore Antonio Sangermano in relazione a un caso di “blue whale” (balena blu), il terribile gioco di adescamento on line che imperversa sulla rete tra i giovanissimi, prevedendo 50 prove in 50 giorni impartite da un cosiddetto “tutor” e che fa leva sull'autolesionismo dei teenagers.

In particolare, la quindicenne avrebbe irretito nel gioco una tredicenne abruzzese, spacciandosi per il tutor maggiorenne del gioco. La ragazzina quasi coetanea dell’Abruzzo non sarebbe arrivata fino al punto estremo grazie al fatto che la quindicenne si sarebbe fermata prima, rendendosi conto della pericolosità di quello che stava facendo.

Tuttavia, la vittima avrebbe manifestato forti disagi psicologici, da allarmare i genitori che si sono rivolti alla polizia postale. Non è stato difficile per gli esperti informatici della polizia risalire alla persona che impartiva gli ordini autolesionistici, cioè la quindicenne pratese.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista