Quotidiani locali

Il dolore di Prato per Linda, morta a 8 anni in un incidente stradale

La piccola ha perso la vita dopo uno scontro sulla bretella Viareggio-Lucca, all'altezza di Massarosa, mentre viaggiava con la mamma. Una città intera in lutto

MASSAROSA. Dal sonno alla morte. Chi sa che bei sogni stava facendo Linda quando sabato pomeriggio all’improvviso c’è stato il tragico tamponamento sulla bretella della Firenze-mare che collega Viareggio a Lucca. Amava la ginnastica, la pallacanestro, gli animali e seguiva con passione la pesca sportiva alla quale si dedica il padre, Maurizio Pastacaldi, 51 anni, giornalista sportivo. Sogni popolati di belle cose, poi l’arresto cardiaco e gli sforzi dei medici, sia sul posto che all’ospedale Cisanello di Pisa dove è stata trasportata con l’elicosoccorso, per rianimarla. Ma niente: nella notte tra sabato 15 e domenica 16 Linda, 8 anni, è morta. 

leggi anche:

 
La bambina viaggiava insieme alla mamma, Veronica Ceri, 41 anni, sul sedile posteriore di una Mini Cooper. La mamma si sposta nella corsia di sorpasso per evitare due auto ferme che avevano tamponato poco dopo il casello di Massarosa. In quel tratto di autostrada non esiste la corsia di emergenza. Ma quando la Mina Cooper passa nella corsia di sorpasso viene colpita da una Renault Kangoo. Un urto violentissimo. La bimba appare subito gravissima mentre la madre, trasferita al san Luca di Lucca, non corre pericolo (ieri è stata dimessa ed è tornata a casa). Purtroppo dopo alcune ore è avvenuto il decesso. Non è stato possibile procedere all'espianto degli organi, come sarebbe stato intenzione dei familiari, per la gravità delle lesioni riportate.

leggi anche:

 
La notizia della morte della piccola Linda, una simpatica e bella bimba bionda, getta nella prostrazione familiari e amici. La famiglia Pastacaldi è molto nota a Prato. Il padre di Linda, capitan Pastacaldi, è un giornalista sportivo specializzato nella pesca sportiva istruttore della tavola a vela. I suoi servizi, girati un po’ in tutto il mondo, vengono trasmessi anche da Sky. Il padre era titolare di un’industria di materie plastiche mentre la madre gestiva il negozio di biciclette Pacini, storico marchio pratese.
 
Linda frequentava la scuola primaria San Giuseppe di viale Montegrappa ed era stata promossa in quarta. L’estate delle vacanze prima del rientro tra i banchi era ancora tutta da vivere piena di giochi e amici.
Ancora incerta la data dei funerali della bambina in attesa delle indagini della magistratura che dovranno fare chiarezza sulla disgrazia. 
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' E LIBRI TOP DI NARRATIVA, POESIA, SAGGI, FUMETTI

Spedizioni gratis su oltre 30 mila libri