Quotidiani locali

I genitori imbiancano l'aula dei figli alla scuola elementare

Babbi e mamme si sono offerti volontari per dare una rinfrescata alla primaria Laura Poli di Cafaggio. La preside: "E' questa la buona scuola"

PRATO. Per i più piccoli zaino e compiti sono alle spalle ma per alcuni genitori, armati di buona volontà e senso civico, l’estate diventa l’occasione giusta per rimboccarsi le maniche proprio in quella scuola che tutti i giorni frequentano i figli. E lo hanno fatto, in barba al caldo torrido di questi giorni, munendosi di pennello e vernici per ritinteggiare un’aula di terza alla primaria “Laura Poli” di Cafaggio. I colori erano un po’ sbiaditi, la vernice s’era scrostata e qualche crepa iniziava a spuntare sul muro, nonostante si tratti di una scuola relativamente giovane.

Nessun problema, ci ha pensato spontaneamente un gruppo di genitori-imbianchini svolgendo un doppio turno pomeridiano nell’arco di una settimana per ridare ordine e decoro all'aula dove studiano i figli. L’hanno ridipinta di bianco e verde chiaro, seguendo i consigli delle maestre e mettendosi a disposizione della scuola nei ritagli di tempo a loro disposizione (di sabato la scuola è chiusa). Come in una piccola impresa di imbianchini, ognuno s’è messo al lavoro organizzandosi con i turni di riposo e le ore libere dal lavoro. La scuola ha fornito i materiali, il risultato finale è frutto del sudore dei genitori che hanno regalato così ai bambini un’aula più bella e colorata.

«Lo facciamo per il terzo anno consecutivo, soprattutto per amore dei bambini e per senso civico - racconta una mamma - Un ambiente colorato è di maggiore stimolo per i nostri figli che in quei locali trascorrono otto ore al giorno». Certo, la burocrazia avrebbe potuto metterci lo zampino ma così non è andata: i nominativi dei genitori-imbianchini sono stati trasmessi alla dirigenza scolastica in modo da assicurare loro la copertura assicurativa necessaria. Un bel gesto a servizio della collettività. Ne è convinta la maestra Luisa Peris, l’ex presidente della Circoscrizione

Sud tornata da tre anni al lavoro dietro la cattedra, soddisfatta per il rapporto con le famiglie. «Questa è la vera “Buona Scuola”. Senza i genitori disponibili a condividere con noi docenti non solo la didattica ma anche la quotidianità in classe sarebbe difficile andare avanti».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie