Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoro, Toscana economia

Guido, ovvero la felicità di stare dietro al bancone di un bar

Ha 36 anni, è affetto da sindrome di Down ed è il primo pratese ad aver firmato grazie all'Aipd un contratto di lavoro

Guido, un barman d'eccezione per l'American Diner di Calenzano Ulivi, 36 anni, è il primo giovane pratese affetto da sindrome di Down a cui l'Aipd è riuscita a fare avere un contratto di lavoro - L'ARTICOLO - (video Fabrizia Prota)

CALENZANO. Agganciate le bretelle, indossata la cuffietta, una sistemata al papillon ed è pronto per cominciare il suo turno di lavoro. La felicità si legge negli occhi di Guido Ulivi, il primo pratese con sindrome di Down ad essere stato assunto con un contratto di lavoro. Dopo sei mesi di inserimento socio-terapeutico, dallo scorso giugno lavora al fast food American Diner di Calenzano, dove è entrato a pieno titolo a far parte dello staff tramite un “vero” contratto.

«Sono contento di avere firmato il contratto. Mi piace tanto questo lavoro, perché mi piace conoscere le persone e, più di tutto, stare al bar e preparare le bibite» racconta Guido, che ha 36 anni ed è originario di Cascina, in provincia di Pisa, e si è trasferito a Prato circa un anno fa, dove vive con i genitori e la sorella.

A seguire il percorso di Guido nel mondo del lavoro è stata l’AIPD - Associazione Italiana Persone Down di Prato, attiva dall’aprile 2014, che, in collaborazione con i servizi sociali del Comune, si occupa dell’educazione all’autonomia delle persone con sindrome di Down.

«Abbiamo fatto altri inserimenti - spiega Viola Niccoli, educatrice e tutor di Guido all’AIPD -, ma Guido è il primo ragazzo ad avere un contratto vero è proprio. È un traguardo importante, sia per noi che per lui. Ha preso fin dall’inizio molto seriamente il suo ruolo ed è consapevole di cosa voglia dire andare a lavorare». Così ogni fine settimana, dal giovedì alla domenica, Guido prende l’autobus da Chiesanuova e va all’American Diner, dove si occupa della preparazione della sala, dell’apparecchiatura dei tavoli, di servire e anche di accogliere i clienti. «L’aspetto dell’autonomia è importantissimo per queste persone - aggiunge la tutor Viola Niccoli -. Di questo dobbiamo ringraziare anche i genitori di Guido, perchè a volte da parte delle famiglie di questi ragazzi c’è un certo freno e un po’ di paura a “lasciarli andare”».

Il contratto di Guido ha una durata di sei mesi, come vuole la prassi del locale per ogni nuovo dipendente, ma la titolare Tristana Tramonti si dice disponibile a rinnovarlo per un tempo più lungo, anche indeterminato. «Era da qualche anno che volevamo fare questa esperienza - racconta -. Perciò abbiamo contattato noi l’associazione. L’arrivo di Guido in azienda è stato molto positivo per tutti: è un ragazzo volenteroso, che mette tanta energia in quello che fa, ed è d’esempio e spinta per tutto lo staff. Per molti dipendenti, che hanno in media 20 - 25 anni, la sua presenza è anche un insegnamento, che fa capire loro quanto sia importante e una conquista avere un lavoro». Oltre che dalla tutor dell’AIPD, Guido per un primo periodo è stato seguito anche da un tutor aziendale, che gli ha insegnato le mansioni. «Ha imparato molto velocemente e si è inserito da subito nell’ambiente - sono d’accordo Viola e Tristana -. Gli altri dipendenti l’hanno accolto molto bene ma non hanno nei suoi confronti quella iperprotezione che a volte può essere dannosa. Per loro è un collega come tutti gli altri».

«Quella che ci ha regalato Guido è un’esperienza eccellente - sottolinea Tristana Tramonti -, che consiglio a qualsiasi altra azienda. Ci piacerebbe ripeterla anche negli altri nostri punti vendita - 7 sparsi, tra gli altri, tra Firenze, Forte dei Marmi, Livorno e anche Parma -, perciò faccio un appello ad altre associazioni che volessero intraprendere questo percorso».

E alla domanda “Che cosa vuoi fare con i soldi che metti da parte lavorando?”, come la maggior parte dei ragazzi della sua età Guido risponde: «Voglio fare una famiglia con la mia fidanzata Irene. È bellissima!».

Guido Ulivi (foto Fabrizia Prota)
Guido Ulivi (foto Fabrizia Prota)

Guido Ulivi insieme allo staf...
Guido Ulivi insieme allo staf dell'American Diner (foto Fabrizia Prota)

Guido Ulivi (foto Fabrizia Prota)
Guido Ulivi (foto Fabrizia Prota)

Guido Ulivi con Viola Niccoli e...
Guido Ulivi con Viola Niccoli e Trista Tramonti (foto Fabrizia Prota)

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' E LIBRI TOP DI NARRATIVA, POESIA, SAGGI, FUMETTI

Spedizioni gratis su oltre 30 mila libri