Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Un gemellaggio con Aix-en-Provence

Anche quest'anno il Liceo Carlo Livi effettua il consueto scambio linguistico-culturale con i suoi corrispondenti francesi. Oltre all'ormai consolidato gemellaggio con il normanno Lycée V. Grignard

PRATO. Anche quest'anno il Liceo Carlo Livi effettua il consueto scambio linguistico-culturale con i suoi corrispondenti francesi. Oltre all'ormai consolidato gemellaggio con il normanno Lycée V. Grignard di Cherbourg, che avrà luogo fra poche settimane, il Liceo Livi ha siglato un altro partenariato con il Lycée Vauvenargues di Aix-en-Provence. Venticinque studenti francesi sono ospiti delle famiglie dei loro corrispondenti pratesi dal 13 al 20 marzo. Hanno trascorso del tempo a scuola frequentando le lezioni per vivere pienamente l'atmosfera scolastica italiana, senz'altro diversa dalla loro. Tra la visite previste le città di Firenze, Lucca, Siena e naturalmente anche Prato, con un itinerario guidato in francese organizzato dagli alunni del liceo Livi.

Gli studenti francesi e italiani sono stati ricevuti ieri a Palazzo Comunale dalla presidente del Consiglio Comunale Ilaria Santi, la quale ha sottolineato il valore umano e culturale di queste attività.

Anche le famiglie italiane hanno giudicato positiva l'esperienza di ospitare uno studente francese. Dal 27 marzo al 3 aprile la classe 3 CL Esabac ricambierà la visita soggiornando a Aix-en-Provence, in Francia. Gli alunni saranno accompagnati dal professor Stefano Nigro, docente di lingua e cultura francese referente del progetto, e dalla professoressa Laura Venturelli.

Tra le varie attività, il programma prevede la visita di Marsiglia, delle Calanques di Cassis, di Avignone.

Grande soddisfazione è espressa dal dirigente scolastico Tiziano Pierucci, che promuove e sostiene i numerosi progetti linguistici dell'Istituto: «Si tratta di esperienze dal grande valore non solo linguistico-culturale ma anche umano».