Quotidiani locali

Non sopporta la moglie, si fa arrestare ma lo rimandano a casa

Prato, per tre volte l'uomo ha abbandonato gli arresti domiciliari annunciando anche di essere pronto a commettere qualsiasi reato pur di allontanarsi dalla compagna. Il giudice ha disposto l'obbligo di firma

PRATO. Meglio il carcere alla convivenza con la propria moglie. Un cittadino albanese di 37 anni, Durim Bahja, martedì 2 agosto, in due occasioni, ha deciso di evadere dagli arresti domiciliari ai quali era sottoposto, perché insofferente della propria moglie. Secondo gli inquirenti ci aveva già provato una terza volta.

Già la mattina di martedì una volante della polizia era intervenuta in via Carlo Marx su richiesta dello stesso albanese, sceso in strada, che aveva chiamato il 113 dicendo di aver abbandonato gli arresti domiciliari. Una volta accompagnato in questura l'albanese, che è ai domiciliari su disposizione del Tribunale di Livorno per reati legati agli stupefacenti, è stato denunciato a piede libero per evasione e intimato a rientrare nella propria abitazione. Nel pomeriggio l'uomo si è presentato da solo in Questura annunciando di non voler più fare ritorno a casa e di essere disposto a commettere qualsiasi reato pur di finire in cacere. La sua richiesta è stata esaudita: considerata la ripetuta violazione della misura degli arresti domiciliari l'albanese è stato arrestato.

leggi anche:

Ma è stato tutto inutile. Durim Bahja, difeso dall'avvocato Giuseppe Bonfante, è comparso oggi davanti al giudice Mancini per la convalida del fermo e al termine dell'udienza il giudice ha disposto per lui l'obbligo di firma, una misura che è "assorbita" dagli arresti domiciliari. In altre parole, il trentasettenne albanese è stato rimandato a casa, dove ritroverà la moglie che non sopporta. La situazione però dovrebbe risolversi in serata, perché la moglie ha intenzione di partire per le vacanze portandosi dietro i due figli della coppia. A questo punto si pone un altro problema: chi farà la spesa per Durim? L'avvocato difensore presenterà istanza perché gli venga concesso un breve permesso giornaliero per rifornire il frigorifero.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro