Quotidiani locali

Prato, è nata l’associazione “Nicco fans Club” a sostegno di adolescenti ammalati di tumore

L’iniziativa presentata all’ospedale Meyer di Firenze  dai genitori dei bambino ricoverato per una malattia oncologica e dal direttore generale Tommaso Langiano

FIRENZE. Si chiama “Nicco Fans Club” ed è la nuova associazione fondata dai genitori del piccolo Nicco, in cura al Meyer per una malattia oncologica, che andrà a sostenere la Fondazione Meyer ed in particolare un progetto, unico nel suo genere in Italia, a sostegno di adolescenti ammalati di tumore. L’associazione è stata presentata nella Ludoteca del pediatrico alla presenza dei genitori di Nicco , Silvia e Federico Matteucci, e del direttore generale dell’Aou Meyer nonché presidente della Fondazione Meyer Tommaso Langiano.

Tutto è cominciato con un seguitissimo gruppo Facebook, il “Nicco Fans Club” che oggi conta oltre 54 mila iscritti, nato a sostegno del piccolo Nicco, bambino di 9 anni ricoverato al Meyer per una malattia oncologica. I genitori hanno adesso scelto di fondare un’associazione e di sostenere la Fondazione Meyer per dare forma a un progetto unico nel suo genere in Italia.

Il progetto. Il “Progetto Adolescenti” si propone di creare, all’interno dell’ospedale pediatrico, un’unità dedicata alla cura degli adolescenti e giovani adulti (dai 14 anni) con patologie oncoematologiche. Si tratterà di un team multidisciplinare, in grado di farsi carico globalmente dei ragazzi affetti da queste malattie, anche sul fronte psicologico e relazionale, assai delicato anche in ragione dell’età di questi pazienti. Un capitolo importante di questo progetto – per avviare il quale serviranno complessivamente 50mila euro – è costituito dalla ricerca.

VIDEO / IL PADRE SPIEGA IL PERCHE' DI UNA ONLUS

In particolare, grazie ai fondi raccolti, si lavorerà, in collaborazione con l’Università di Firenze, a un progetto sulle cellule staminali mesenchimali (MSC), cercando di farle agire come agenti terapeutici nei confronti delle cellule neoplastiche stesse. In particolare le MSC, per la loro caratteristica intrinseca di essere richiamate all’interno del tumore, possono essere opportunamente “modificate” per trasformarle in veri e propri “cavalli di Troia”, inducendole ad esprimere molecole killer o caricate con farmaci antiblastici da veicolare in prossimità delle cellule tumorali (‘cellule mesenkiller’).

Oltre a questo progetto, per la cura di alcune malattie neoplastiche che colpiscono gli adolescenti, verrà sviluppato ulteriormente, come alternativa terapeutica in casi refrattari alle cure tradizionali, il programma di trapianto emopoietico, utilizzando una particolare tipologia di trapianto, cosiddetto “aploidentico”, che utilizza i genitori o i fratelli semicompatibili come donatori.

Gli operatori (medici, psicologi, infermieri) chiamati a lavorare in questo team verranno formati ad hoc e si lavorerà anche in collaborazione con importanti centri italiani e internazionali, potenziando le collaborazioni già in essere (come quella con l’ortopedia oncologica di Careggi) e creandone di nuove. È la prima volta che in Italia viene portato avanti un progetto del genere in un ospedale pediatrico.

VIDEO / ECCO L'ASSOCIAZIONE "NICCO FANS CLUB"

Flash mob a prato il 12 aprile. Il primo di una lunga serie di eventi benefici per raccogliere fondi a sostegno di questo progetto sarà un flash mob che si terrà a Prato il prossimo 12 aprile, in Piazza del Comune, a mezzogiorno. Grandi e piccini potranno prendere parte a un ballo coreografico con le parrucche che in questi mesi sono diventate un simbolo distintivo di tutti gli eventi organizzati dal Nicco Fans Club. Con l’occasione si potranno fare offerte e trovare gadget, tra cui le oramai famose magliette “Nicco grulli fans club” che si potranno avere con una donazione. Le stesse magliette si potranno trovare a partire dal prossimo 3 aprile nell’Ufficio Donazioni della Fondazione Meyer (viale Pieraccini 24, dal Lunedì al Venerdì dalle 9 alle 16.30; sabato mattina 9/13).

Tutorial vip su youtube. E per chi volesse arrivare al flash mob preparato sulla coreografia, l’associazione ha preparato un tutorial disponibile su http://www.youtube.com/watch?v=B0K3MADTI1c per il quale si sono prestati anche Leonardo Pieraccioni e Laura Torrisi, che insieme

ad altri personaggi come Gianfranco Monti in questi mesi si sono dimostrati molto vicini al piccolo Nicco. Grazie agli eventi organizzati nelle scorse settimane sono già stati raccolti 10mila euro: un piccolo passo per arrivare a quei 50mila necessari a far decollare il Progetto Adolescenti.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro