Contro la pista di Peretola parte una nuova petizione

La lancia l’associazione neonata ReAgire sulla piattaforma on line Change.org, per ogni firma arriverà una mail ai presidenti Rossi e Gestri e al sindaco Cenni

    PRATO. E’ la neonata associazione ReAgire, presieduta da Alessandro Magni, a lanciare una nuova campagna via web contro la pista convergenze di Peretola. «Noi, cittadine e cittadini di Prato, alla luce della variante al Pit approvata dalla giunta regionale della Toscana, ribadiamo la nostra contrarietà al potenziamento dello scalo aeroportuale fiorentino e alla realizzazione della pista parallela, che andrà a incidere su una zona già fortemente popolata, determinando un incremento dell’inquinamento ambientale, acustico e atmosferico».

    E' questo il punto centrale della petizione lanciata sulla piattaforma online Change.org (link: http://www.change.org/it/petizioni/al-consiglio-della-regione-toscana-non-approvate-l-ampliamento-dell-aeroporto-di-peretola-3 )

    «Abbiamo indirizzato la petizione a tutta la giunta regionale della Toscana, presidente Enrico Rossi in testa - spiega Magni - a tutti i consiglieri regionali, al presidente della Provincia Lamberto Gestri e al sindaco Roberto Cenni. Ogni firma si tramuterà in una mail nella loro casella di posta elettronica. Il nostro auspicio è di raccogliere sufficienti adesioni da rompere il muro del silenzio in cui è stata relegata Prato».

    13 marzo 2013

    Lascia un commento

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ