Quotidiani locali

Il progetto “Un minuto con Dante”: primo premio alla II D della Convenevole

Stamani al Metastasio la cerimonia conclusiva del concorso dedicato alla rilettura in chiave contemporanea della Divina Commedia

Un affollato teatro Metastasio ha salutato stamani la seconda edizione del progetto “Un minuto per Dante”, i laboratori di videomaking sul viaggio dantesco che hanno l'obiettivo di stimolare la creatività dei ragazzi per raccontare in sessanta secondi, attraverso l'utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione, l'esperienza umana narrata nella Divina Commedia.

L'iniziativa del Comune di Prato assessorato alla Pubblica Istruzione in collaborazione con l'assessorato alle Politiche di Integrazione e l'assessorato alla Cultura, realizzata dall'Associazione Culter di Firenze, ha visto la partecipazione di 22 classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Prato, per un totale di più di 500 studenti, che hanno presentato in questa giornata di premiazione pubblica i 17 video in concorso.

Vincitrice di questa edizione è la classe II D della Scuola Convenevole da Prato, professoressa Annamaria Fochesato, che, con il video “Siamo come il mare.indivisibile”, ha saputo incarnare perfettamente lo spirito del progetto, presentando un lavoro di rara semplicità e originalità, così come lo ha definito la giuria che ha valutato tutti i lavori presentati dalla classi aderenti al progetto.

Tantissime le idee originali, come il video secondo classificato “Qui mi hai visto per la prima volta” della classe III B della Mazzei, prof.ri Antonietta Scarano, Valentina Sannipoli, Alberto Cocci, Maria Grazie Portareale, che ha invertito con intelligenza il contesto tra i versi danteschi e il linguaggio moderno degli adolescenti, trasportando l'uno sui muri della scuola e l'altro sui fogli antichi di carta, mostrando come, seppur distante nella forma, il messaggio d'amore rimanga inalterato.

Il terzo posto è stato assegnato infine alla classe V B della Scuola Primaria Santa Gonda, professoressa Maria Serena Querci, che con il video “ Conoscere per capire” ha voluto insegnare, con semplicità ed efficacia, che una cosa apparentemente bella può celare in sé un pericolo.

Non sono mancate, poi le menzioni speciali per il miglior linguaggio originale, le tecniche di allestimento e l'attualità, andate rispettivamente al video “Offerta agli occhi spersi” della classe II C della Scuola Secondaria Mazzoni, “ Inferni” della classe II A del San Niccolò, e “L'abbandono e la paura” delle classi V A e V B della scuola primaria Don Milani, che ha affrontato il delicato tema del bullismo.

L'edizione, in generale, ha colpito per il grande impegno con cui tutti i ragazzi hanno lavorato ai video, dal piano tecnico di ripresa e montaggio, fino alla composizione delle colonne sonore originali, eseguendo personalmente le musiche. Soddisfatti gli assessori alla Pubblica istruzione Rita Pieri, alla Cultura Anna Beltrame e alla Politiche di integrazione Giorgio Silli che hanno voluto riproporre per il secondo anno consecutivo questa iniziativa, riconoscendo la valenza didattica di un progetto che, dichiarano, «fa avvicinare gli studenti al patrimonio della Divina Commedia in un modo del tutto innovativo: stimolando le nuove generazioni a confrontarsi con il capolavoro di Dante, coinvolgendo il potenziale creativo e artistico dei nostri ragazzi».

Soddisfazione

condivisa anche dall'équipe artistica dell'Associazione Culter che ha realizzato il progetto e che punta, in ogni edizione, a sviluppare sempre di più nei ragazzi la competenza tecnica, oltre all'esercizio di osservazione della realtà così come ci insegna Dante: parlando in prima persona.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Prato Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista