Quotidiani locali

Giovannini in viaggio a Milano per il Pontedera del futuro

Il direttore generale dei granata punta su Sarri, Giuliani, Zamparo e su un giovane difensore Ufficializzata la data del ritiro: il 22 luglio ritrovo all’hotel La Pace, poi allenamenti al Mannucci

PONTEDERA. Idee chiare, ma acque del mercato ancora troppo agitate per poter navigare con tranquillità. E allora il Pontedera aspetta che passi la tempesta.

Tra serie B e C sono molti i casi di formazioni che non sanno ancora quale campionato disputeranno nella prossima stagione. Ricorsi, richieste di ripescaggio, presunti illeciti sportivi, fallimenti e fusioni. Tanto per cambiare, il nostro calcio è una giungla. E gli effetti sul mercato sono notevoli, come spiega il direttore generale granata, Paolo Giovannini: «La nostra programmazione in termini di campagna acquisti è stata già messa nero su bianco, ma non possiamo ancora operare. Da una parte ci sono i problemi legati al futuro di molte società, dall’altra il regolamento sulla valorizzazione dei giovani, che ancora non è stato chiarito da parte della Lega».

Trattative a rilento, ma qualcosa si muove. E Giovannini lo sa. Per questo mercoledì e giovedì sarà a Milano. Molti i punti segnati sull’agenda del dg. Nell’ambito del mercato in uscita, ci saranno da discutere le situazioni di Gargiulo, che piace alla Salernitana, anche se la trattativa si raffredda giorno dopo giorno, di Calcagni, con la Ternana alla finestra, e di Frare, il più vicino di tutti all’addio, direzione Padova. E poi gli affari in entrata. Sarri, portiere classe 1999 della Fiorentina, per il quale devono essere definite le modalità di trasferimento, Giuliani, esterno sinistro classe 1999 dello Spezia, che aspetta il via libera per il prestito, e Zamparo, l’attaccante del Cuneo, del 1994, che piace moltissimo a Paolo Giovannini. Situazione complicata, dato che Zamparo ha un contratto fino al 2019 col club piemontese: il giocatore vuole il Pontedera, le parti stanno lavorando per trovare un accordo che faccia tutti contenti.

Da Milano, Giovannini proverà a portare via anche un difensore da inserire sul centro destra della difesa a tre di mister Ivan Maraia. Perché la sensazione è che Frare sia davvero a un passo dall’addio. E questo si intuisce anche dalle parole di Giovannini: «Se fossi un club di serie B gli darei una possibilità, perché a mio avviso è un ragazzo con delle potenzialità straordinarie. Ci sono squadre che lo stanno seguendo da vicino, ma non c’è ancora niente di sicuro. Certamente – spiega il dg – se dovesse presentarsi l’occasione, il Pontedera lo lascerebbe andare. Prima di tutto per permettergli un’esperienza importante, in grado di farlo crescere come uomo e come calciatore».

Intanto è stata ufficializzata la

data della partenza del ritiro, che sarà nel pomeriggio di domenica 22 luglio, con ritrovo all’hotel La Pace. Gli allenamenti del Pontedera, quindi, cominceranno da lunedì 23. Come di consueto, sul rettangolo verde del Mannucci.

Tommaso Silvi

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro