Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Poteco, l’80 per cento di chi ha seguito i corsi trova subito lavoro
formazione 

Poteco, l’80 per cento di chi ha seguito i corsi trova subito lavoro

Cerimonia per la consegna degli attestati agli ex studenti. L’assessore: «Distretto conciario esempio del fare sistema»

SANTA CROCE SULL’ARNO. Quasi l’80% di coloro che escono con idoneità dai corsi di Poteco trovano lavoro in breve tempo. Sta tutto in questa cifra l’orgoglio del Polo Tecnologico Conciario, celebrato ieri mattina attraverso i numeri presentati nel corso dell’evento “Formazione nella filiera concia calzatura”, promosso con Agenzia Forium, Istituto Cattaneo di San Miniato, Associazione Conciatori, Consorzio Conciatori di Ponte a Egola, Toscana Manifatture ed Assa, e durante il quale sono stati consegnati gli attestati di partecipazione agli studenti che l’anno scorso hanno svolto corsi formativi.

«Il distretto conciario si conferma in grado di proporre scelte per la formazione concretamente utili, che sanno tradurre le esigenze di un’intera filiera – ha detto Cristina Grieco, assessore regionale all’istruzione presente all’evento. – È un esempio tra i più positivi anche sotto il profilo del “fare sistema”».

Ottimi risultati che si manifestano un po’in tutti i settori e e le categorie grazie ad un’offerta articolata di corsi, da quelli per occupati a quelli per disoccupati o fuoriusciti dal percorso scolastico, ai corsi finanziati con i Fondi della Regione Toscana: «I numeri che oggi vengono illustrati – dice Giulia Deidda, presidente del Polo – confermano il buon lavoro che negli anni si è sviluppato, in grado di sintetizzare esigenze e proposte dei diversi attori del mondo di formazione e lavoro». Un successo che si manifesta in tutti i corsi oltre che nelle varie categorie della formazione, come spiegato da Francesca Ciampalini, dell’agenzia formativa Forium, siano essi rivolti alle giovani generazioni o a coloro che, dopo aver perso il lavoro, si vogliono reinserire in nuovi settori. Molti, inoltre, i progetti in essere: dall’addetto al montaggio della tomaia ai percorsi tecnici, da quelli dedicati specificatamente al settore moda a quelli per il settore delle certificazioni. Risultati che sorgono da una capacità di mettere insieme aziende, percorsi formativi alternativi e scuola, come spiegato dal preside dell’Itc Cattaneo Alessandro

Frosini che illustrando i nuovi corsi specifici attivati presso il suo istituto ha chiesto una maggiore integrazione dei vari percorsi: «Dobbiamo partire dall’assunto che ogni insuccesso formativo è un spreco, che un paese come il nostro non può permettersi». –

 

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro