Quotidiani locali

il caso 

Nuovo incidente all’incrocio maledetto Cresce la protesta

Un uomo è rimasto lievemente ferito sulla via Francesca Raccolte 400 firme per avere almeno un semaforo

CASTELFRANCO di sotto

«Ogni giorno stiamo con la paura. Oggi è andata bene».

È lo spirito che aleggiava ieri da fra i condomini e gli esercizi dell’ormai celeberrimo incrocio della Francesca Sud con via Vivaldi e via Posarelli, teatro di numerosi incidenti e al centro di una raccolta firme, iniziata prima dell’estate, per la messa in sicurezza.

L’ultimo episodio, chiusosi fortunatamente senza tragedie, è avvenuto ieri mattina, quando le sirene dell’ambulanza hanno suonato per un uomo di mezza età scampato per un pelo all’investimento. L’incidente, avvenuto proprio all’incrocio di fronte all’edicola, si è risolto in un codice verde: un colpo preso da uno specchietto e qualche problema al piede. Quanto basta però per riaccendere i riflettori sul problema e sulla protesta dei cittadini, ravvivatasi a giugno in occasione dell’incidente mortale in cui rimase coinvolto un uomo di origine orientale. Protesta e assemblea a cui l’amministrazione rispose invitando una delegazione in comune per discutere sul da farsi.

«Abbiamo raccolto quasi 400 firme e non pensiamo di fermarci fino a metà settembre, quando andremo in comune a protocollarle – dice Monica Calò, residente del quartiere dove, negli esercizi, si possono ancora trovare i fogli per la raccolta – Conosciamo le difficoltà del caso, non ultima il fatto che la strada sia di competenza provinciale, ma non ci fermeremo finché non si sarà trovata una soluzione, magari con un semaforo a chiamata ed un attraversamento luminoso come quelli piazzati a Ponticelli o qualcosa di simile. Di sicuro aiuterebbe quantomeno ripitturare la segnaletica esistente: le strisce pedonali sono quasi sparite».

Chiamata in Comune prossima che viene confermata anche dal primo cittadino Gabriele Toti, che in vista dell’incontro dice: «Ci siamo già mossi e abbiamo messo a punto alcune ipotesi progettuali, corredate anche da strategie per attingere ad alcuni finanziamenti. Una rotatoria, come già era evidente a inizio estate, è impossibile

da realizzare. Ma stiamo pensando ad implementare la cartellonistica, a rendere visibile l’attraversamento di notte e corredare il tutto con un aiuola o qualcosa che imponga agli autisti di rallentare». –

NILO DI MODICA

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro