Quotidiani locali

La centrale dello spaccio era nella villa nel bosco

I carabinieri hanno arrestato a Noce due giovani albanesi al termine di lunghe indagini. Nel bazar non solo droga, tre chili di marijuana, ma anche una pistola rubata

VICOPISANO. In casa i carabinieri hanno trovato un po’ di tutto, dalla droga a vari oggetti, compresa una pistola, risultati poi rubai. I due albanesi, di 27 e 32 anni, ieri arrestati, si erano stabiliti in una casa nella vegetazione, sui monti pisani, vicino a Noce, pensando che in questo modo sarebbero rimasti lontani da occhi indiscreti. La classica villetta sul monte, peraltro è di proprietà di una famiglia che vive negli Usa e che potrebbe non essere nemmeno a conoscenza degli inquilini ora finiti al Don Bosco.

I carabinieri di Cascina, impegnati in un’indagine contro lo spaccio, da diversi giorni seguivano i movimenti di due albanesi i quali, apparentemente senza fissa dimora e senza un lavoro, sembrava avessero la disponibilità di una villa, a Noce di Vicopisano. «I numerosi servizi di osservazione e pedinamento hanno avvalorato la tesi che i due potessero essere dediti a traffici illeciti», hanno spiegato i carabinieri. E per questo la compagnia di Pontedera, in rinforzo ai militari di Cascina, ha fatto scattare un blitz, al quale hanno partecipato circa 30 carabinieri delle stazioni di San Giovanni alla Vena (presente anche con il comandante che ieri festeggiava 25 anni di nozze), Casciana Terme, Buti, del Nucleo Operativo e Radiomobile, con l’ausilio di cinofili di San Rossore.

I militari, dopo aver circondato l’immobile, hanno fatto irruzione all’interno, identificando preliminarmente i due uomini e dando conferma a una serie di sospetti. I due che pensavano di essersi imboscati nella maniera giusta hanno intuito che non era proprio così. La lunga perquisizione ha permesso di trovare tre chilogrammi circa di marijuana, suddivisi in tre sacchi di vario peso,151 piantine pronte per l’interramento e diverse centinaia di semi di analoga sostanza, un panetto di circa grammi 100 di hashish; unabilancia digitale e materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente.

Oltre a questo è stata trovata una pistola marca beretta calibro 6.35, completa di caricatore e cinque cartucce di pari calibro, rinvenuta sulla persona del più anziano dei due, risultata provento di furto in abitazione commesso il 23 dicembre scorso a Brugnato, vicino a La Spezia; un motociclo Honda SH 125, risultato provento di furto commesso a Livorno il 30 giugno scorso;numerosi altri oggetti di probabile provenienza furtiva, tra cui caschi da motociclista, materiale informatico e attrezzi da lavoro, sui quali sono in corso accertamenti ulteriori. Entrambi sono

stati arrestati e devono rispondere dei reati di ricettazione, coltivazione, produzione e detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di arma comune di sparo.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro