Quotidiani locali

la protesta

Raccolte duecento firme per far restare il parroco

Una delegazione di cittadini faugliesi andrà dal vescovo di San Miniato per consegnargli una lettera e convincerlo a revocare il trasferimento

FAUGLIA. Salvo ripensamenti da parte del vescovo di San Miniato monsignor Andrea Migliavacca, don Andreas (Andrés Jorge Echeverry Molina), il parroco di Fauglia e Valtriano, dovrà lasciare entro la fine del mese la sua parrocchia. Mercoledì 10 gennaio molti fedeli, e non solo di Fauglia e Valtriano, ma anche dalle frazioni vicine, si sono dati appuntamento per una assemblea presso la saletta Kienerk di Fauglia con lo scopo di discutere e cercare comunemente una soluzione. Tanti adolescenti, e tanti genitori; ma anche adulti e anziani.

«Siamo qui anche per loro – dice una signora –, per questi ragazzi, "i ragazzi del don", che nel sacerdote sudamericano hanno trovato un punto di riferimento, una guida; non è giusto trasferirlo così senza un motivo».

I giovani sono la parte più viva di questa protesta in favore del parroco a cui sono affezionati. «In questi giorni abbiamo noleggiato un pullman e siamo andati alla curia di San Miniato per parlare col vescovo, ma lui non c'era, perché è partito per l'India, e la segreteria non ci ha dato risposta. Lo stesso alle mail che abbiamo inviato», spiega uno di loro. Sul gruppo facebook "Sei faugliese se..." ragazzi e adulti in queste ore si aggiornano di continuo.

L' ipotesi – che convince molti – della influenza di pochi ignoti sugli alti scranni della Chiesa un po' divide, un po' unisce. C'è il sospetto che una minoranza incida più del sentire comune. Vengono fuori le già note divergenze del parroco con alcuni fedeli di Valtriano, per questioni riguardanti la gestione della parrocchia. Cosa di più d'un anno fa, ma che secondo alcuni avrebbe lasciato strascichi. Altri invece sono certi che quella storia è chiusa, come avrebbe confermato don Andreas.

Il sindaco di Fauglia Carlo Carli, presente anche lui all'assemblea, si unisce alla protesta verso l'immotivato trasferimento. Ed evidenzia come sia sotto gli occhi di tutti il fatto che da quando c'è don Andreas, dal 2016, i bambini e i ragazzi sono tornati in chiesa come non accadeva da anni.

Diversi interventi, ma alla fine dell'assemblea la decisione comune è presa: fare una raccolta firme da allegare ad una lettera con la richiesta al vescovo di rivedere la sua decisione. In pochi minuti ne sono state raccolte circa

200, mentre lì intorno ad un tavolo venivano scelti alcuni rappresentanti tra i cittadini di Valtriano e Fauglia che formeranno una delegazione pronta a recarsi a San Miniato con lettera e firme, nei prossimi giorni, e con la speranza di far tornare il vescovo sui suoi passi.
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori