Quotidiani locali

Arrestato con 19 dosi di cocaina negli slip

Pontedera: un marocchino di 28 anni, processato per direttissima, patteggia e torna in libertà

PONTEDERA. Se gli spacciatori non perdono l’abitudine di avvicinare i clienti nei bar e nei pub del centro cittadino anche le forze dell’ordine, in questo caso i carabinieri, non smettono di andarli a controllare nei luoghi indicati come a rischio per lo spaccio. E così nella tarda serata di martedì, in un locale in via Palestro a Pontedera frequentato da giovani, i carabinieri hanno arrestato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un uomo di nazionalità marocchina, di 28 anni, senza fissa dimora anche se altre volte è stato controllato in città.

Il marocchino era noto ai carabinieri perché era stato arrestato per quattro volte per il medesimo reato. Così quando la pattuglia lo ha visto dentro all’esercizio pubblico ha deciso di entrare per capire cosa stava succedendo. Il giovane si è alzato fingendo di dovere andare in bagno. È stato però fermato e ai carabinieri che volevano controllarlo ha detto di avere un tronchetto di hashish. Ovviamente i militari non si sono accontentati di quella risposta e sono andati avanti con il controllo. Dalle mutande – un classico, anche questo – sono spuntate fuori alcune dosi di cocaina, già pronte per essere messe in vendita. Lo straniero, già sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora, è stato sorpreso in possesso di 19 dosi di cocaina da 1 grammo ciascuno circa, come hanno spiegato i carabinieri al termine dei controlli effettuati per contrastare il mercato dello spaccio. L’arrestato è stato trattenuto in camera di sicurezza per una notte nella caserma dei carabinieri di Pontedera.

Mercoledì 10 gennaio, in tribunale a Pisa, è stato celebrato il processo per direttissima. L’arresto è stato convalidato, l’uomo ha patteggiato la pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione con obbligo di firma quotidiana presso l’Arma locale. Quindi è tornato in libertà. È tornato in centro a Pontedera negli stessi

luoghi dove di solito incontra connazionali e clienti. Lo spaccio di droga lentamente si sta spostando dalla zona della stazione ferroviaria anche alle vie del centro, oltre che in piazza Belfiore dove ormai quasi ogni giorno vengono organizzati controlli dalle forze dell’ordine.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik