Quotidiani locali

Degrado nel cantiere abbandonato 

A Gello ci sono due scheletri di edifici mai finiti. Proteste anche per la connessione Internet

GELLO. Un cantiere abbandonato tra le case e una connessione internet che va a rilento. Due criticità emerse dall’incontro coi cittadini della frazione di Gello, organizzato l’altra mattina al bar trattoria Loris, nella zona industriale, nell’ambito del Caffè Tirreno. All’iniziativa hanno partecipato decine di persone, che hanno segnalato le situazioni di disagio che sono costretti a vivere ogni giorno.
In molti hanno riferito ai nostri giornalisti del degrado che regna all’incrocio tra via del Casone e via del Podere. Qui sarebbero dovuti sorgere quattro complessi bifamiliari, ma le ditte che avrebbero dovuto procedere con la realizzazione del progetto sono incappate in una serie di problemi e i lavori hanno subito prima un rallentamento e successivamente sono stati interrotti, tutto a cavallo tra il 2011 e il 2012. Oggi, quel che resta dell’opera è uno scheletro di cemento invaso dalle erbacce. «I lavori non sono mai stati terminati perché la ditta che avrebbe dovuto eseguirli è fallita. Il cantiere ora è nel degrado – ha raccontato Franco Benvenuti, residente a Gello – e insieme alle case sono saltati anche gli oneri di urbanizzazione. Uno di questi riguardava la strada nei pressi delle abitazioni in costruzione, che ora è in cattivo stato e mancante del tappeto stradale».
La denuncia dei cittadini, in questo caso, tocca due aspetti: da una parte l’estetica, dato che chi abita nelle vicinanze di quello che si può definire un ecomostro è stanco di vedere una porzione del paese in balia del cemento grezzo e della vegetazione selvaggia, dall’altra quello igienico, visto che le pessime condizioni del cantiere favoriscono la presenza di ratti e serpi a due passi dalle abitazioni.
In fondo al tunnel, però, c’è una luce. Perché l’area è al centro di un progetto di riqualificazione che verrà portato avanti nei prossimi mesi e che prevede come primo passo, da compiere nei prossimi dieci giorni salvo imprevisti, il taglio dell’erba nella zona del cantiere. Dalle piante alla fibra.
Un altro problema segnalato dagli abitanti di Gello è legato alla navigazione: «In paese non arriva la fibra e la navigazione è molto lenta. Credo che nell’area industriale non ci sia questo problema, dato che le aziende lavorano molto coi computer, quindi non capisco
come mai nel centro abitato, a poche centinaia di metri di distanza, la situazione sia completamente diversa – spiega ancora Benvenuti - Mi auguro che prossimamente anche il cuore di Gello venga interessato dai lavori di potenziamento della linea, ora navighiamo veramente a bassa velocità».

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie